Mosca, “Volete diventare come me?” Ragazza su sedia a rotelle sfida la polizia e protesta contro la guerra

video Ancora iniziative di protesta a Mosca contro la guerra, nonostante gli oltre 700 arresti degli ultimi giorni in Russia, a seguito delle proteste contro la mobilitazione per richiamare i riservisti annunciata da Putin. Diversi sit-in sono stati organizzati soprattutto nella capitale russa, nella zona del parco Zarjade. Dove la polizia è intervenuta con durezza, manganellando e arrestando alcuni attivisti. Tra questi una ragazza, su sedia a rotelle che è andata incontro ai polizotti in assetto antisommossa, mostrando un cartello con scritto “volete diventare come me?” e poi rimanendo ferma e in silenzio davanti ai poliziotti schierati intornovideo Telegram

Ucraina, la fuga disperata del caccia russo in fiamme

video L'azione dei caccia russi sul fronte di battaglia sta diventando disperata. Attaccano a bassa quota le postazioni ucraine, finendo sotto il tiro della contraerea. Questo video è stato ripreso durante un raid condotto da due jet di Mosca. Si vede un Sukhoi 30 colpito da un missile terra-aria: uno dei due motori è in fiamme. Il pilota sfrutta l'altro reattore per cercare di fuggire, compiendo manovre per stabilizzare il velivolo danneggiato. Mentre si allontana con una scia di fuoco nel cielo, si notano un'esplosione e una nuvola di fumo alzarsi da un bosco. Si tratterebbe di un altro caccia – un Sukhoi 25 – che partecipava all'incursione ed è stato distrutto dalle batterie anti-aeree ucraine. Gli stormi russi vengono mandati allo sbaraglio nel tentativo di impedire che l'offensiva di Kiev dalla regione di Karkhiv si allarghi alla repubblica secessionista di Donetsk. Il filmato infatti è stato realizzato dalle avanguardie della 25ma brigata aerotrasportata ucraina, che venerdì hanno riconquistato il villaggio di Yatskivka. di Gianluca Di Feo  video Twitter

Il Mantova crolla di nuovo a Lecco, mister Corrent: «Mancati negli episodi chiave»

video Una nuova batosta per il Mantova di mister Corrent. A Lecco finisce con tre reti al passivo. «A caldo è facile dire che siamo mancati negli episodi chiave - attacca il tecnico biancorosso -: abbiamo preso due gol su calcio piazzato. La squadra però ha fatto anche buone cose per buoni tratti, ma chiaramente siamo mancati in altro, visto che il Lecco ha vinto 3-0. Non è semplice ma dobbiamo insistere e non perdere autostima».