Stop alle prenotazioni: il nuovo ecocentro sarà ad accesso libero

SANTA GIUSTINATaglio del nastro sabato 3 dicembre e niente più obbligo di prenotazione: con il mese in arrivo il nuovo ecocentro di Santa Giustina è pronto a diventare realtà. Dopo anni di sogni, idee e pure promesse disattese, l'amministrazione Minella darà quindi ai propri cittadini l'atteso spazio dedicato alla raccolta rifiuti. In località Volpere, di fronte alla ditta Tonet, è tutto pronto ad accogliere gli utenti del servizio, i quali non dovranno più usufruire dell'ormai vecchio ecocentro posto nelle vicinanze del Centro culturale e delle scuole. Peraltro, la novità che risulterà più gradita riguarda la caduta dell'obbligo di prenotazione del conferimento. Basterà quindi presentarsi durante gli orari di apertura per poter portare il materiale, anche se ciò giocoforza comporterà un po' più di attesa durante i momenti di maggior afflusso alla struttura.Moderno e dotato di tutte le comodità dei più innovativi ecocentri, osserverà inizialmente le consuete aperture. In particolare, nel mese di dicembre le utenze domestiche potranno conferire tutti i mercoledì dalle ore 08.15 alle 11.30 e dalle 13.15 alle 16. L'ecocentro sarà aperto anche a sabato alternati: in questo caso, il 3 e il 17 dicembre dalle 08.15 alle 11.30. Vale per le utenze non domestiche invece l'orario di tutti i lunedì del mese dalle 8.15 alle 11.30 e dalle 13.15 alle 16, ad eccezione di lunedì 26 (Santo Stefano) che sarà sostituito da martedì 27 con il medesimo orario. «Bellunum che gestirà l'ecocentro con i propri addetti farà poi tutte le valutazioni del caso riguardanti eventuali modifiche all'orario», spiega Renzo Trinca, assessore ai lavori pubblici. «Le siepi esterne andranno a mitigare la visuale dall'esterno verso l'interno dello spazio recintato. Nei prossimi giorni infine porteremo i vari cassoni e disegneremo la segnaletica orizzontale, posizionando anche quella verticale. Siamo contenti di essere prossimi al traguardo prefissato». --GIANLUCA DA POIAN© RIPRODUZIONE RISERVATA