Addio ad "Albertino" ex sindaco di Valle e uomo di cultura

il luttoUn altro "pezzo pregiato" del Cadore se ne è andato: l'ex sindaco di Valle Alberto Toscani, per tutti Albertino, di Venas, si è spento all'ospedale di Belluno, dov'era ricoverato da alcuni giorni per il riacutizzarsi dell'ictus che lo aveva colpito mesi fa. Il 28 agosto, avrebbe compiuto 82 anni. Lascia la moglie Susy. «Non ci sarà funerale», spiega l'amico di sempre Fabrizio Toscani, «perché la sua salma sarà cremata e solo ad avvenuta cremazione sarà data comunicazione ai suoi amici e conoscenti». «Abbiamo lavorato insieme anche di recente», ricorda l'architetto Fabrizio Toscani, «realizzando un libretto sulla chiesa di Dovesto e avevamo ancora progetti da realizzare. Era un amico e un profondo conoscitore della storia cadorina. Oltre che sindaco di Valle di Cadore, è stato autore di numerose e interessanti pubblicazioni sul territorio». Alberto Toscani ha insegnato per molti anni alla scuola media Pier Fortunato Calvi di Pieve. Era conosciuto tra i genitori perché da docente accompagnava sempre i suoi studenti nei viaggi di istruzione, portando i ragazzi più volte anche in in Germania a visitare il campo di sterminio di Dachau.Il cordoglio per la sua scomparsa è esternato anche dai molti amici con i quali condivideva obiettivi e ideali. In modo particolare lo ricorda l'ex preside Giovanni Monico: «Albertino non è più fisicamente tra noi; lo rimarrà in spirito in quanti lo hanno stimato, rispettato e amato. Il Cadore perde un colto e raffinato intellettuale, un onesto pubblico amministratore e un cittadino perbene». Significativo il commento di Matteo Toscani, che nel 1992 divenne sindaco al termine del mandato di Alberto Toscani: «Era un importante punto di riferimento per il paese di Venas. Anche se ci siamo trovati su fronti opposti, il confronto è sempre stato su temi concreti e mai politici. Conoscitore profondo della storia e della realtà cadorina, ha sempre saputo esporre sinceramente la sua posizione. Una grande perdita».«Era una persona che faceva onore al Cadore e alla politica con la P maiuscola», lo ricorda Mirta Da Prà Pocchiesa, mentre Piermario Fop parla di «Una bruttissima notizia». Una notizia che ha colpito profondamente anche Maria Grazia Petroni, già sindaco di Vigo e docente come Alberto Toscani. --Vittore Doro© RIPRODUZIONE RISERVATA