Dalla Regione ecco 120mila euro per lavori alla "strada del Genio"

VIGO/LOZZO.Qualcosa si sta muovendo nel settore della valorizzazione dei beni storici, architettonici e culturali della Grande Guerra. In attesa che lo Stato, magari in una situazione economica meno assillante dell'attuale, si impegni davvero per far fronte agli impegni contratti, si muove almeno la Regione Veneto. Circa 120.000 euro sono andati ai Comuni di Vigo e Lozzo, nonché alla Cm Comelico/Sappada, per sistemazione e valorizzazione dei beni storici lasciati in eredità sulle nostre montagne dal Primo conflitto mondiale.
Lozzo potrà quindi effettuare importanti lavori di ripristino ai muri di scarpa e controscarpa della cosiddetta strada del Genio, che da Lozzo porta in 18 km al forte di Col Vidal, a quota m 1880.
Senz'altro un bel regalo di Natale, ma anche di compleanno, giacché l'arteria compie quest'anno proprio 100 anni. La storia di questo incredibile tramite tra valle e crode si lega naturalmente a quella dell'impianto fortificatorio costruito all'inizio del ‘900 dal Genio italiano su Col Vidal per dar protezione all'opera bassa di Col Piccolo e battere Danta e gli sbocchi della Val Piova e della Mauria. In considerazione della sua alta valenza strategica, superiore per certi aspetti perfino a quella del vicino M. Tudaio, fu deciso nei primi anni del ‘900 di dar corso immediatamente al progetto della strada Lozzo-Col Cervera-Col Vidal. All'inizio del 1909 veniva inoltrato al Ministero il piano dei lavori preliminari e di li a poco arrivavano i primi finanziamenti. Poi iniziarono i lavori.