E' morto a Houston Celeste Bortoluzzi

BELLUNO.Il sindaco di Belluno, Celeste Bortoluzzi, è morto venerdi sera a Houston negli Stati Uniti, dove era in cura da qualche settimana. Bortoluzzi aveva scoperto di essere malato di tumore a fine maggio, ma solo in luglio il quadro clinico era apparso critico, tanto da convincersi a volare in America per sottoporsi a cure ancora sperimentali. I medici di Houston avevano concesso margini di speranza, studiando una terapia che sembrava dare esito positivo. In queste settimane il sindaco era rimasto attivo, in costante contatto telefonico con la giunta. Mercoledi è arrivata a Belluno la notizia di un peggioramento improvviso, con le complicazioni che hanno portato alla sua scomparsa. Celeste Bortoluzzi aveva 60 anni, una moglie e tre figli ed era stato eletto sindaco nel ballottaggio dell'11 e 12 giugno. La notizia della morte di Bortoluzzi è stata data ieri mattina nella sala del consiglio comunale di Palazzo Rosso dal vicesindaco Franco Gidoni, alla presenza della giunta, dei capigruppo di maggioranza e opposizione e di parte dei consiglieri comunali, in un clima di incredulità e di profondo cordoglio. Sul banco, di fronte alla sua sedia, è stato posato un mazzo di fiori e fin dalla prima mattinata tutte le bandiere cittadine erano a mezz'asta e listate a lutto.
Rimane ancora incerta la data del rientro della salma in Italia, ma sembra che Bortoluzzi non potrà essere a Belluno prima di mercoledi, più probabilmente giovedi. Il giorno successivo al rientro si svolgeranno i funerali, in duomo, e per quella data il Comune dichiarerà il lutto cittadino. Dalle ore 12 di domani chiunque desidererà farlo potrà scrivere un saluto al sindaco o semplicemente firmare il libro di condoglianze che verrà collocato nell'atrio antistante l'ufficio del sindaco, al primo piano di Palazzo Rosso.
Con la morte di Bortoluzzi è il vicesindaco Franco Gidoni ad assumere le funzioni di sindaco fino alla data delle elezioni, che si svolgeranno la prossima primavera in una domenica compresa tra il 15 aprile e il 15 giugno. Fino alle elezioni amministrative dunque il consiglio comunale e la giunta rimangono in carica, ma nei limiti dell'ordinaria amministrazione. Il testo unico degli enti locali infatti prevede che, in caso di decesso del sindaco, la giunta decade e si procede allo scioglimento del consiglio comunale, che pure rimangono in carica.
La sua malattia era nota, ma Bortoluzzi ha preferito mantenere una certa riservatezza sulle sue condizioni di salute e, nel rispetto di questa scelta, la notizia non è stata diffusa.