Ferrara, spunta l'audiogiornale "fascista" che celebra la conquista della città

video Sullo sfondo, le note dell'inno di Mameli. Mentre il testo, letto con la voce stentorea dei vecchi cinegiornali di guerra, recita una sorta di bollettino della vittoria delle armate leghiste sull'esercito in rotta "del Partito Democratico e degli ascari del suo regime". A pochi giorni dalla vittoria del centrodestra e del sindaco leghista Alan Fabbri, un audio di un paio di minuti - presumibilmente registrato da un sostenitore della nuova maggioranza - sta facendo il giro di tutta Ferrara via WhatsApp, rimbalzando senza sosta da uno smartphone all'altro. Una evidente goliardata, che tuttavia testimonia del clima tutt'altro che sereno che si respira in città, tra i timori di chi denuncia le degenerazioni di una destra niente affatto moderata e la baldanza di chi ha appena conquistato l'ex roccaforte rossa.

Ferrara, spunta il finto bollettino di guerra che celebra la conquista della città da parte della Lega

video Sullo sfondo, le note dell'inno di Mameli. Mentre il testo, letto con la voce stentorea dei vecchi cinegiornali di guerra, recita con stile tipico di un cinegiornale fascista una sorta di bollettino della vittoria delle armate leghiste sull'esercito in rotta "del Partito Democratico e degli ascari del suo regime". A pochi giorni dalla vittoria del centrodestra e del sindaco leghista Alan Fabbri, un audio di un paio di minuti - presumibilmente registrato da un sostenitore della nuova maggioranza - sta facendo il giro di tutta Ferrara via WhatsApp, rimbalzando senza sosta da uno smartphone all'altro. Una evidente goliardata, che tuttavia testimonia del clima tutt'altro che sereno che si respira in città, tra i timori di chi denuncia le degenerazioni di una destra niente affatto moderata e la baldanza di chi ha appena conquistato l'ex roccaforte rossa. Il testo originario, rivisitato per celebrare la recente vittoria politica, appartiene in realtà al famoso Bollettino della vittoria del 4 novembre 1918 con cui il Generale Armando Diaz annunciò, sul finire della Prima Guerra Mondiale, la resa dell'Impero austro-ungarico

Elezioni europee, Orlando: "Crescita Pd è segnale incoraggiante: il cambiamento deve continuare"

video Il vicesegretario del Partito Democratico Andrea Orlando commenta a caldo i primi dati, relativi agli exit poll, delle elezioni europee: "I voti che ci sono arrivati sono una riapertura di credito da parte di pezzi del nostro elettorato. Il Pd però deve cambiare ancora molto rispetto al passato - ha detto Orlando -. Fine del bipolarismo Lega-M5s? Se questi fossero i dati, gran parte del lavoro di opinionisti e esperti in questi mesi non sarebbe basato su elementi di fatto". Video di Francesco Giovannetti

Europee, voto con foto di gruppo per Conte e Zingaretti manda un abbraccio a De Rossi

video Il presidente del consiglio, Giuseppe Conte e il segretario nazionale del Partito democratico e governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, hanno votato a Roma ognuno nei rispettivi seggi. Zingaretti alla scuola Gioacchino Belli, in via Mordini e il premier Conte al liceo Virgilio, in via Giulia. Per Conte c'è stato il tempo per una foto di gruppo con gli scrutatori. Zingaretti ha invece mandato un abbraccio all'ex capitano della Roma che proprio oggi giocherà la sua ultima partita con la maglia giallorossa. Video di Livia Crisafi

Dl Sicurezza, Zingaretti: "Multare chi salva vite umane ci riporta ad Auschwitz"

video "Dentro quella proposta c'è la rimozione della civiltà europea che abbiamo costruito dal dopoguerra. Noi vogliamo l'Europa della democrazia, non quella di Auschwitz, che ripropone il disprezzo della vita". Sebbene nell'ultima versione del decreto sicurezza bis sia scomparso il riferimento diretto alle sanzioni da 3.500 a 5.500 euro per ogni straniero soccorso in mare, il segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti, a Milano per la chiusura della campagna elettorale, punta il dito contro "quell'idea irrealizzabile", oggi tradotta, stando alle bozze, in una sanzione da diecimila e cinquantamila euro per chi trasgredisce il divieto di oltrepassare le acque territoriali italiane. "Tutto nasce da Auschwitz - ha proseguito Zingaretti - ovvero dall'idea che un uomo può decidere sulla vita e la morte di un altro essere umano"video di Andrea Lattanzi