Lutrano diventa campione d'Europa i tedeschi del Dilinger beffati ai rigori

FONTANELLE. Ce l'hanno fatta, di nuovo. È il Lutrano la migliore squadra di calcio amatoriale d'Europa. Hanno conquistato il titolo venerdì a Salisburgo, quando hanno battuto ai calci di rigore i campioni in carica, i tedeschi del Dilinger, che a loro volta erano diventati campioni d'Europa due anni fa battendo a Gent (Belgio) proprio il Lutrano in quella che allora era la 21esima edizione dei Giochi sportivi amatoriali europei. Ma stavolta è andatadiversamente.Il Lutrano ha bissato il successo ottenuto nel 2015 a Riccione (indovinate chi avevano battuto quattro anni fa: esatto, il Dilinger) con uno sforzo non da poco. Se l'accesso alla fase finale del torneo è arrivato in modo tutto sommato semplice, visto che il Lutrano è stato invitato dopo aver perso la finale due anni fa, non è stato per niente facile giocare sei partite in due giorni, due giovedì e addirittura quattro venerdì. Si può solo immaginare cosa sia passato nella testa dei giocatori («tutti qui solo per passione: nessuno prende una lira. Anzi, per andare a Salisburgo ci siamo dovuti autotassare», scandisce il presidente Emanuele Dassiè) quando hanno dovuto arrendersi all'evidenza: alla fine dei tempi regolamentari il risultato era di 0-0. Dopo giornate estenuanti durante le quali si era giocato quasi in continuazione, toccava andare ai calci di rigore. La differenza, lì, l'ha fatta la testa degli 11 in campo. Al Lutrano è bastato buttare dentro due palloni, visto che il Dilinger ha sbagliato tutti i propri calci di rigore.«I ragazzi sono stati straordinari», è il commento del presidente Dassiè, felicissimo. Da Lutrano sono partiti per l'Austria in 53, di cui una trentina erano semplici sostenitori. Ma non solo.La squadra trevigiana era l'unica ad avere con sé una persona che faceva da mangiare alla squadra durante le brevi pause fra una partita e l'altra: «Insieme alla bravura dei ragazzi, il nostro segreto è stato l'ottima organizzazione», prosegue il presidente: «Sono davvero soddisfatto: il nostro è un gruppo fatto di ragazzi affiatati che abitano nei paesi attorno a Lutrano». --Niccolò Budoia