Si è spenta la titolare dell'Osteria Violina

PONTE DI PIAVE. Si è spenta alla bella età di 99 anni Gina Maria Zanusso, per tutti Angina Violina, storica proprietaria della omonima "Osteria Violina" che dall'inizio del 1800 si trova nel centro di Negrisia lungo via San Romano. Angina Violina, era figlia di Luigi e Regina, da generazioni osti del locale. Si può dire che fosse nata nell'osteria e che abbia cominciato a versare ai clienti le prime "ombre" quando aveva poco più di 10 anni. E da lì non si è più mossa fino a quando l'età avanzatissima l'aveva costretta al pensionamento. Ma appena ne aveva l'occasione voleva tornare nella sua osteria che, come tradizione, continua ad essere gestita da donne, nipoti e pronipoti della defunta, le quali con orgoglio seguono il suo stile sobrio, fatto di efficienza e di genuina ospitalità. Angina Violina è rimasta lucida fino alla fine; si è dovuta arrendere nella giornata venerdì ad una bronco polmonite, che l'aveva costretta ad un breve ricovero all'ospedale di Oderzo. I funerali sono fissati per lunedì pomeriggio alle 15.30, naturalmente presso la chiesa parrocchiale di Negrisia, paese dove ere considerata una vera e propria istituzione. Questa sera alle 19.30 è, invece, in programma la recita del Rosario. Lascia nel dolore una comunità intera oltre ai familiari più stretti: la figlia Gianna, il fratello Albano, le cognate e le pronipoti Elisa, Eleonora e Veronica. Adesso, ad aver ereditato il soprannome di Violina, c'è la cognata Anna Luigia Maccagnan, 84 anni portati alla grande e conduttrice principale del locale. L'osteria nel corso del tempo è stata ristrutturata, ma non ha mai voluto perdere le sue caratteristiche principali. Un tempo le pietanze più richieste erano le trippe e la polenta con frittura mista di pesce preso nel Piave, alborelle e marcandole in particolare adesso praticamente estinti; oggi i piatti forti della locanda rimangono il baccalà e le seppioline, naturalmente cucinate con le ricette di Angina Violina.Alvise Tommaseo