Cessione di Villa Emo pronti a firmare il rogito «entro i prossimi giorni»

Vedelago. Si firmerà entro il 30 giugno il rogito notarile per la vendita di Villa Emo che dalla proprietà del Credito Trevigiano passerà nelle mani dei magnati francesi Vincent e Florence Gombault, fatto salvo l'esercizio del diritto di prelazione da parte degli enti pubblici. Il direttore del Credito Claudio Giacon conferma che «è questione di giorni, al massimo di tre settimane»" e si arriverà all'atto definitivo di cessione. Il notaio di Venezia, scelto dagli acquirenti francesi a cui fa già capo Palazzo Gorzoni sul Canal Grande, deve ancora fissare e comunicare la data. Ma è certo che entro fine mese la compravendita sarà formalizzata.La transazione, al valore di 15 milioni di euro, riguarda la villa con il parco e gli antichi borghi annessi, mentre la fattoria in cui ha sede la banca resterà di proprietà del Credito. Il notaio dopo la firma notificherà l'atto a Stato, Regione, Provincia e Comune, che avranno 60 giorni per esercitare il diritto d'acquisto allo stesso prezzo offerto dal privato. Ma questa è un'ipotesi remota. Decorsa l'estate, con ogni probabilità i coniugi Gombault entreranno in possesso della villa e potranno disporne. Hanno già anticipato che intendono garantirne la fruibilità, aprendo per di più le porte gratis ai vedelaghesi.Intanto, la scorsa settimana circa 120 soci del Credito hanno partecipato all'assemblea convocata dal Cda per condividere l'ipotesi di future aggregazioni con altre Bcc: «Ad oggi non abbiamo dossier né trattative in corso ma è chiaro che dovremo confrontarci con le nostre consorelle per valutare l'utilità di future sinergie», sottolinea Giacon. --Maria Chiara Pellizzari