La neosindaca Rizzo al lavoro «Tanti progetti da completare»

SAN PIETRO DI FELETTO. Ci vorrà ancora qualche giorno prima della fumata bianca. A San Pietro di Feletto il neoprimo cittadino si è presa del tempo per poter riflettere sull'organigramma della giunta: «Terrò conto - spiega- tanto del consenso elettorale quanto delle competenze e naturalmente della disponibilità di ciascuno. Non ci vorrà molto». Maria Assunta Rizzo, che aveva salutato i dipendenti da assessore al bilancio, martedì ha fatto ritorno in municipio da sindaco e forte del 68,73% dei consensi: «Una vittoria che premia il lavoro fatto negli ultimi cinque anni e l'impegno profuso in campagna elettorale - aggiunge - mi darò da fare per portare a termine i progetti avviati, garantendo la continuità amministrativa». In consiglio comunale entra il sindaco uscente Loris Dalto, il più votato con 251 preferenze. Con lui: Fabiana Ceschin con 133, Cristiano Botteon con 104, Linda Pompeiano con 96, l'assessore uscente Giorgio Comuzzi con 93, Claudia Meneghin con 82, Loretta Casagrande e Luigino Sartor rispettivamente con 81 e 78 preferenze. Sui banchi di opposizione siederà lo sfidante Bortolo De Carlo, che alla guida della lista di coalizione "Lega-Liga Veneta- Vivi Feletto" ha totalizzato 943 voti, e si è fermato al 31,27%: «Nonostante il buon risultato delle europee, con la Lega oltre il 52% e il centrodestra quasi al 70 - ha dichiarato De Carlo - i cittadini, ancora una volta, hanno dato fiducia alla l'amministrazione uscente. Questo conferma che il voto politico poco influenza le scelte comunali». Completano il gruppo di opposizione: Cristina Mandia che ha totalizzato 70 voti, Giovanni Cesca (35) e David Casagrande (23 preferenze). --Adriana Rasera