Sarmede: tre frane minacciano il territorio

Francesco Dal MasSARMEDE. È cessato di piovere, e di nevicare in quota, ma i problemi si palesano adesso. Tre nuove frane sono emerse nel già martoriato comune di Sarmede, dove domenica, nella frazione di Montaner, era venuta a mancare anche l'acqua potabile. Un pericoloso movimento di terra, lungo via Cellina, aveva infatti danneggiato gravemente la condotta che rifornisce il serbatoio di Montaner, che distribuisce l'acqua a circa 1.100 tra famiglie ed attività commerciali e produttive. Per tutto il pomeriggio festivo sono rimasti all'asciutto gli abitanti, un allevamento di mucche ed i numerosi ristoranti. L'acqua è ritornata sul far della sera, ma grazie ad un bypass provvisorio. Ieri gli operai sono ritornati sul posto ed entro domani, al più tardi mercoledì, ripristineranno il canale, ma intanto il Comune dovrà provvedere alla messa in sicurezza dello smottamento, che è pesante. Cessate le precipitazioni, i versanti prativi tra Sarmede e Rugolo, gonfi d'acqua, hanno cominciato a muoversi e si sono materializzate ben tre frane. Una crea una pesante emergenza, perché sta interessando una strada, ancorchè privata, che porta ad un'abitazione. La via di accesso è praticamente interrotta; si è sbriciolato anche un muro di contenimento. Il sindaco Larry Pizzol spera che la situazione non si aggravi per non vedersi costretto ad imporre lo sgombero della residenza, «La situazione» afferma «esige interventi urgenti, prima di eventuali altre precipitazioni». Sarmede è bombardata di siti a rischio. Da qualche giorno s'è reso pericoloso il versante di montagna che scende sulla strada provinciale 151 tra Montaner e Fregona. La bomba d'acqua del 28 aprile ha rimesso in movimento un'area che aveva destato preoccupazione nel passato. Sta intervento la Provincia per la messa in sicurezza della strada; nei prossimi giorni interverrà con un cantiere cosiddetto di 'somma urgenza'. L'arteria è molto trafficata, collega Cordignano e Sarmede a Montaner e Fregona. Vi transitano i mezzi del trasporto pubblico, scolastico in particolare, quindi non può assolutamente essere chiusa. Si tratta, fra l'altro, di uno dei percorsi classici degli appassionati delle due ruote. «Fin dai tempi delle tempeste dell'estate 2017» ricorda il sindaco «il territorio montano di Sarmede è stato martellato pesantemente, con numerosi movimenti, ma la situazione più pericolosa è proprio quella della strada provinciale 151, che presenta fessure nell'asfalto sempre più larghe e non vorremmo un giorno trovarci con sgradite sorprese. Questa» confessa Pizzol «è la mia angoscia quotidiana». Basta tuttavia entrare nel bosco che si precipita dal Cansiglio verso valle per riscontrare che anche il maltempo di domenica ha provato numerosi schianti. Colpa del vento, ma soprattutto della neve pesante - riferisce il sindaco - che è caduta sulle prime foglie delle piante, che non hanno retto. Neve che si è presto trasformata in acqua, per le temperature alte della giornata di ieri, per cui i versanti si sono trasformati in cascate. Anche nel vicino Comune di Fregona si è seguito con preoccupazione l'andamento degli smottamenti in corso, in particolare della frana vicina all'incrocio tra la strada del Cansiglio e la pista rusale che sale a Cadolten. -- BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI