Si rompe l'acquedotto molte famiglie a secco

SARMEDE. A causa di una precedente frana che si è rimessa in movimento, l'acquedotto che sale a Montaner si è rotto e la popolosa frazione della pedemontana del Cansiglio è rimasta senz'acqua per tutto il pomeriggio di ieri.L'emergenza è scattata verso mezzogiorno. Il sindaco Larry Pizzol si è subito mobilitato e i tecnici che sono arrivati per un sopralluogo hanno trovato che era saltata la condotta dell'acqua in Via Cellina, a Sarmede, là dove nel corso di passate precipitazioni si era verificato un pesante smottamento. La frana si è rimessa in movimento da domenica scorsa, dopo le abbondanti nevicate e piogge dell'inizio settimana. Ieri, con l'imperversare della pioggia, la colata di fango ha di nuovo ripreso vigore ed è saltato l'acquedotto. Grave il disagio, numerose sono le famiglie di anziani. Ieri sera è stato individuato il guasto e i tecnici hanno provveduto ad installare un by-pass.Il sindaco Pizzol ha provveduto a tenere sotto stretto controllo le diverse frane del paese, una delle quali riguarda la strada provinciale, vicino al Comune con Fregona. Preoccupazione per i movimenti franosi anche in quest'ultimo paese. La sindaca Laura Buso e il suo vice Giacomo De Luca hanno monitorato per tutta la giornata la frana che già nel recente passato si era segnalata all'incrocio tra la strada del Cansiglio e quella rurale per Cadolten. «La pioggia delle ultime ore - fa sapere De Luca - ci ha dato qualche preoccupazione di troppo, perché abbiamo riscontrato dei movimenti pericolosi nel corpo delle smottamento». --F.D.M.