Senza Titolo

IL PERSONAGGIODavide CasarottoFernando Alonso non è tra i protagonisti del campionato di Formula 1, ma è pronto a tornare sotto i riflettori. E non tanto perché ha partecipato con la McLaren ai test del lunedì post Bahrain. Il giorno prima aveva peraltro seguito dai box la gara, tirando una smorfia quando ha realizzato che a causa dei problemi della sua Ferrari Charles Leclerc non sarebbe riuscito a conquistare la sua prima vittoria. Di Alonso però si parla perché si avvicina uno degli appuntamenti più importanti dell'intera carriera dello spagnolo, uno di quelli per cui si è deciso a lasciare il Circus per cercare di coprirsi di gloria in altri campionati a quattro ruote.IL SOGNO INDIANAPOLISLa data cerchiata sul calendario è quella del 26 maggio, quando sul leggendario tracciato di Indianapolis si correrà la 500 Miglia. È uno dei pallini di Alonso vincere la più celebre corsa a stelle e strisce: tagliare per primo il traguardo infatti gli consentirebbe di fregiarsi della Triple Crown. È il riconoscimento riservato ai piloti che riescono a vincere il Gp di Monaco di Formula 1, la 24 Ore di Le Mans e, appunto, la 500 Miglia di Indianapolis. Quest'ultimo è l'unico tassello che manca all'ex ferrarista per entrare nella ristrettissima cerchia di chi è già riuscito nell'impresa. Ovvero il solo Graham Hill, che alle cinque vittorie ottenute a Monaco tra il 1963 e il 1969 ha affiancato i trionfi di Le Mans (1972) e Indy (1966). Tra l'altro Alonso con la 500 Miglia ha un conto aperto, visto che nel 2017 aveva già tentato di darvi l'assalto. Lo spagnolo comandò la corsa per 27 giri prima di essere tradito dal motore. Ora ci riprova, sempre con la McLaren.LA VETTURAI veli alla monoposto con cui Alonso si presenterà al via della grande corsa sono stati tolti nei giorni scorsi. Nessuna sorpresa cromatica: i colori richiamano quelli che la scuderia inglese adotta in Formula 1. Il telaio sarà naturalmente il classico Dallara, mentre il propulsore sarà Chevrolet. Il prossimo 24 aprile si terranno i primi test collegiali in vista della gara vera e propria, ma Nando ha già avuto la possibilità di saggiare la nuova McLaren sul Texas Motor Speedway.L'ADATTAMENTOIn un campionato in costante evoluzione, tecnica e regolamentare, come l'Indycar in due stagioni possono cambiare molte cose. E Alonso, che su queste monoposto non saliva dal 2017, se ne è accorto subito. A farsi sentire è soprattutto la nuova aerodinamica che la Dallara ha approntato per la serie americana. «È una monoposto più difficile da guidare - ha ammesso Alonso - specialmente quando si dovrà stare in scia ad altre vetture. Detto questo le sensazioni nel tornare su un ovale sono state positive: appena tocchi lo sterzo la macchina gira verso sinistra ed è una sensazione un po' strana. Servirà riabituarsi: l'ovale del Texas non è uguale a Indy ma questo primo assaggio è servito anche alla squadra e alla struttura, che è completamente nuova, per impostare il lavoro e arrivare pronti ai test del 24».Di certo, rispetto al 2017, Alonso avrà il vantaggio di conoscere già i meccanismi e le particolarità di una corsa che è unica al mondo: «Conosco la gara e l'atmosfera che vi si respira, conto di dosare meglio le forze ed entrare fin da subito, in qualifica e in gara, con più determinazione e concentrazione».INDY-STORYSì perché Indianapolis è molto di più di una semplice gara automobilistica. Ha una storia pluricentenaria, visto che la prima edizione della 500 Miglia si svolse nel lontano 1911. Per gli europei non fu mai semplice imporvisi: il primo fu Dario Resta nel 1916, dopodiché bisognerà attendere il 1965 per vedere sul gradino più alto del podio Jim Clark. In quel periodo la gara fu parte del calendario di Formula 1: esperimento che durò poco, visto che spesso la trasferta oltreoceano veniva disertata dailla maggior parte dei team. Negli anni la 500 Miglia è divenuta una delle corse più ambite al mondo, con tutte le sue tradizioni: dalla parata pre-gara fino alla celebrazione del vincitore con la classica bottiglia di latte. Il momento che sogna di vivere Fernando Alonso. -- BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI