Senza Titolo

Alberto Zamprogno / TREVISOAllacciate le cinture, sta per partire il campionato di Eccellenza più competitivo degli ultimi anni. Il girone B è un concentrato di blasone, qualità e ambizioni. Ben 11 le società della Marca: un record. Domenica alle 15.30 si comincia con il big match LiaPiave-Treviso, in programma a Ormelle e non a San Polo. Derby anche a Pieve tra Eclisse e Union Pro, a Castelfranco tra Giorgione e Vittorio Falmec, al "Viani" tra Nervesa e PortoMansuè e a Farra tra Union Qdp e Liventina. L'unica squadra a varcare i confini della Marca è l'Istrana, di scena a Noale. Completano il turno inaugurale Real Martellago-Luparense e Tombolo Vigontina-San Giorgio Sedico, mentre riposa il Mestre. Difficile fare pronostici. Per la maggior parte degli addetti ai lavori, la principale favorita sarebbe la Luparense. In prima fascia anche formazioni come Mestre, Treviso, LiaPiave, San Giorgio Sedico, ma anche il Giorgione si è rinforzato, senza dimenticare la matricola PortoMansuè. Diversi i club che possono navigare nella medio-alta classifica, si pensi a Nervesa, Liventina, Istrana, Eclisse, Union Qdp. Le due più "pericolanti" potrebbero essere Union Pro e Vittorio Falmec. La prima classificata sarà promossa direttamente in Serie D (a proposito, oggi vengono stilati i calendari con il Montebelluna). Dal secondo al quinto posto ci si qualifica per i playoff regionali, che eleggeranno la compagine da mandare agli spareggi nazionali (l'Istrana nell'ultima stagione). Resteranno invece tre le retrocessioni, nonostante nelle ultime settimane si fosse ipotizzato di portarle a 4. Dovrebbero scendere direttamente in Promozione le ultime due classificate, playout dalla sestultima alla terzultima, con la miglior retrocessa che verrebbe poi inserita nella graduatoria per gli eventuali ripescaggi. -- BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI