Senza Titolo

Niccolò Budoia / VAZZOLATutto meritava fuorché di perdere il Vazzola che ieri ha salutato la Coppa. Colpa dell'imprecisione se i gialloverdi hanno dovuto incassare la seconda sconfitta consecutiva, dopo quella contro il Fontanelle.Il gioco c'è stato, ma quando tiri 12 volte verso la porta avversaria e fai un solo gol è difficilevincere la partita. Il Conegliano tiene in difesa, pur non mostrando un gioco particolarmente divertente. Ma si sente che c'è qualcosa di diverso nell'aria rispetto alla scorsa stagione: nei primi due tiri in porta arrivano due gol. Il terzo viene portato a casa in 9 contro 11 (espulso Pompeo per bestemmie e uscito dopo una gran partita Akowuah per infortunio). Dopo il gol di Zilli al 16', che mette dentro un pallone dalla sinistra, risponde il Vazzola. Qualche metro fuori dall'area del Conegliano, molto angolato, Teodoro calcia al volo un pallone appena rimpallato. Lo colpisce d'esterno collo, gli dà un giro a rientrare e lo spedisce secco sotto il sette. Tutta la tribuna applaude, estasiata. Ma dopo il gol, è Stefan a mangiarsi la prima rete già fatta, quando mette fuori da due passi una palla che arriva da sinistra. Il Conegliano, ritrovata un po' di sicurezza in difesa, riparte all'attacco e segna con Del Piero, che butta dentro un assist al bacio di Gullo. Il secondo tempo si apre stanco, tanto che la prima occasione vera arriva dopo 24 minuti: Stocco manda alto un piattone da fuori area. È ancora Stocco pochi minuti dopo a impegnare Pezzato in una paratona sotto il sette, cercando di replicare alla prodezza del compagno di squadra Teodoro. Il Vazzola offre tanto gioco, ma non riesce mai a rendersi davvero pericoloso. Il Conegliano fa l'opposto, e segna allo scadere con un contropiede che va a segno grazie a Bonotto, che ribadisce il tiro di Bodian. Domenica inizia il campionato: Vazzola in casa col Fossalta, Conegliano a Villorba. -- BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI