Cani troppo aggressivi Rivolta del quartiere e multa dei carabinieri

FONTANELLE«Quei cani non sono pericolosi per l'uomo»: questo è quanto uscito dal controllo effettuato dall'Ulss servizo veterinario di Oderzo in collaborazione con i carabinieri della stazione di Fontanelle, dopo l'episodio di lunedì scorso che ha coinvolto tre "american bully" che hanno sbranato due cani di piccola taglia a 200 metri dalla piazza di Fontanelle. Quegli stessi cani erano stati protagonisti di un episodio analogo un anno fa. Lunedì sera, a pochi minuti dallo spiacevole episodio, una cinquantina di residenti sono usciti dalle proprie case e hanno iniziato a protestare a causa della paura in cui vivono per la presenza di quei cani, chiedendo un intervento concreto da parte del sindaco Ezio Dan e dalle forze dell'ordine. Il precedente episodio di violenza, finito con la morte di un cane di piccola taglia, non era stato denunciato, e ciò aveva legato le mani al primo cittadino e ai carabinieri che avevano solo potuto segnalare il fatto alla Procura. Questa volta il proprietario dei cani uccisi ha querelato il padrone dei tre cani, e ciò ha fatto sì che le forze dell'ordine (con l'Ulss di Oderzo) hanno potuto fare le dovute e opportune verifiche per comprendere al meglio la situazione degli animali e il possibile rischio per l'incolumità dei cittadini. I cani sono tenuti in modo corretto e non sono pericolosi per l'uomo, questo è quanto emerso dai controlli. Il servizio veterinario ha fatto una serie di prove, tra cui la sottrazione della ciotola del cibo durante l'ora del pasto da parte dei veterinari per vedere un'eventuale reazione aggressiva dei cani, che non hanno battuto ciglio. «Aspetto di leggere la relazione dell'Ulss per agire di conseguenza - ha spiegato il sindaco - La preoccupazione c'è, quei cani reagiscono in maniera violenta ogni volta che passano degli esemplari di piccola taglia. Il fatto è che non abbiamo la certezza che nel momento dell'aggressione non ci sia il rischio per le persone o i bambini. O li allontaniamo o i proprietari devono costruire un doppio cancello per impedire l'uscita dei cani e prestare molta più attenzione di quanto fatto finora, hanno loro la responsabilità. Noi agiremo per tutelare i cittadini».Il proprietario dei tre cani è stato sanzionato dai carabinieri per omessa custodia. Massima la disponibilità mostrata dal proprietario durante i controlli effettuati dalle forze dell'ordine, a cui ha spiegato che i cani hanno una seconda recinzione e che una delle ospiti presenti in casa prendendo l'auto, non si è accorta della fuga dei cani finita con la morte di due poveri pinscher.Questo non è il primo episodio nella zona. A luglio sull'argine del Monticano un chihuahua a guinzaglio era stato fatalmente aggredito da un cane di taglia media. --Gloria Girardini