A Sarmede già 86 segnalazioni Cordignano concede la proroga

CORDIGNANOAl residence "Il Villaggio" di Villa di Villa la compagna di Stefan Da Ros ieri guardava la casa preoccupata. «Quella sera eravamo andati a letto da una mezz'ora. Poi è venuto giù il finimondo. Speriamo che la Regione ci venga incontro . Mi risulta che solo per l'alluvione del 2002 ci siano stati risarcimenti per il 95 per cento. Confidiamo in questi soldi. Siamo veramente tutti in ginocchio». Sono oltre un centinaio le domande inoltrate da privati al Comune di Cordignano per chiedere il risarcimento danni, il Comune ha deciso una proroga di qualche giorno e c'è tempo fino a domani per portare in municipio la documentazione fotografica dei danni stimati. «Appena sarà ufficialmente riconosciuto dalla Regione lo stato di crisi per calamità - spiega il sindaco Alessandro Biz - saranno predisposti dei moduli specifici per i cittadini». A Sarmede c'è tempo fino ad oggi per le segnalazioni. «In questo momento» afferma il sindaco Larry Pizzol «abbiamo ricevuto con allegata documentazione fotografica 86 segnalazioni da privati e 14 sono quelle che invieremo nelle prossime ore per il patrimonio pubblico. Stiamo inoltre incessantemente lavorando per liberare i ponti ed effettuare anche le verifiche di stabilità, per ripristinare e pulire dai grossi conci lapidei e fango, i letti dei torrenti in fascia collinare». Intanto la Provincia ha assicurato che a seguito del sopralluogo dei geologi, provvederà con urgenza alla ricostruzione del muro di sostegno crollato lungo la Provinciale 151 e anche del tratto che attualmente mostra segni di ribaltamento. Nel comune di San Fior c' è invece tempo fino a domani per presentare la richiesta danni. --F.G.