Un metro d'acqua nel locale «Basta, andrò via da qui»

CONEGLIANO Via Podgora è stato l'epicentro dell'alluvione di mercoledì notte. E' il primo punto dove si è fatta sentire la potenza del Valbona, straripato dalla collina sovrastante. A riportare i danni maggiori è stata la pizzeria Saporoso. L'acqua è salita fino un metro all'interno, mentre all'esterno ha spazzato il plateatico portando distante sedie e tavolini.«Il problema è grande, o fanno degli interventi altrimenti qui non possiamo più gestire un'attività - racconta il titolare del Saporoso, Stefano Durante -. Ho parlato con il sindaco, non possiamo rimanere sempre all'erta, è una lotta continua. Le autorità devono prendere dei provvedimenti seri, trovando una soluzione, lo sanno che la zona è a rischio». I dipendenti della pizzeria sono arrivati per aiutare e ripulire. Il locale è rimasto chiuso, si spera di riaprire oggi e per il fine settimana essere operativo. L'impianto elettrico e i frigoriferi sono andati in tilt. «Stanotte qui non ha piovuto eccessivamente, ma poi mi sono trovato con un metro d'acqua dentro il locale - racconta il ristoratore -. L'amministrazione comunale deve prendere una decisione seria. In 18 anni che sono qui, era già accaduto quattro anni fa. Certo il clima è cambiato, ma non si può più stare qui, vedrò di trovare un'altra sistemazione sicura. Ci sono anche decine di case, il problema va risolto».Nell'abitazione vicina c'era una novantenne che è stata aiutata da badante e familiari. Anche lei ha vissuto l'incubo di svegliarsi di notte con l'acqua dentro casa, ma sta bene.Dall'altra parte di via Podgora anche la proprietà della famiglia di Guerrino Piacentin ha subito gravi danni. «Quattro anni fa avevano detto che non c'erano soldi, poi ci sono stati i morti al Molinetto della Croda e allora è stata fatta la pulizia - spiega Piacentin -. Il problema è sopra in via Delle Caneve. Mi sono alzato stanotte, ho attivato le pompe, ma poi è arrivato un fiume di fango. L'altra volta aveva buttato un'auto, stavolta oltre ad un'auto forse anche due furgoni. Devono fare degli interventi per risolvere il problema della Valbona che esce dagli argini».Nel condominio al civico 6 di via Podgora altre due vetture sono rimaste dentro i garage allagati, tra le quali la Citroen C3 di Manuela Merz, operaia della Zoppas, che lo scorso anno aveva subito due furti nel suo appartamento. (di.b.)