Al Teatro del Pane c’è “Il Vizietto” con Appi e Besa

"Se le fulische le va a matina, ciol su el saco e va a farina". Paolo Peruch coglie l'occasione del "pan e vin" per presentare in perfetta sintonia con la tradizione il suo ultimo libro "Fulische" - Kellermann Editore - illustrato dalla moglie Maria Grazia Magris. Lo fa alle 15 di venerdì nell'Area Fenderl di Vittorio Veneto, concludendo un ciclo durante il quale ha percorso una raccolta di reperti della letteratura orale del Vittoriese e del Quartier del Piave, affidando, in conclusione, al fumo e alla direzione delle scintille dei falò befanizio, il futuro dei partecipanti al "pan e vin."Indimenticabile l'interpretazione di Michel Serrault e Ugo Tognazzi al cinema, per la regia di Eduard Molinaro. Ma spassoso comunque, nella vesrione teatrale. Dopo aver chiuso un'intensa prima parte di stagione con un nutrito calendario di appuntamenti che tra ottobre e dicembre ha portato sul palco del Teatro del Pane oltre 20 incontri tra spettacoli e concerti, la seconda parte della stagione teatrale riapre il 14 e 15 gennaio con "Il Vizietto", una delle tre produzioni del Teatro del Pane che andranno in scena nei primi due mesi del 2017: non dei semplici spettacoli ma delle creazioni assolutamente originali che coinvolgono il pubblico in un'esperienza a tutto tondo che fonde cena ed evento teatrale e che si ispirano alla filosofia che anima questo teatro così speciale, capace di creare un connubio felice tra cultura del buon teatro e cultura del buon cibo. Il mese di gennaio inaugura, quindi, sabato 14 e domenica 15 gennaio, con Il Vizietto, una delle produzioni del Teatro del Pane più amate fin dal suo debutto nel 2015, uno spettacolo ironico e profondo allo stesso tempo, in cui si può ridere senza vergogna e divertirsi senza complessi di colpa, grazie alla leggerezza e alla poesia con cui sono trattati temi tanto attuali quanto delicati come quelli di famiglia, maternità, omosessualità. Con la regia di Mirko Artuso, che cura una messa in scena che ricrea fedelmente le atmosfere del celebre film e della pièce di Jean Poiret, Il Vizietto del Teatro del Pane è l'apoteosi di due interpreti, il finissimo Andrea Appi, scatenato in un gioco di isteria-malinconia che dà spessore umano a un personaggio tradizionalmente votato al macchiettismo, e il sornione Ramiro Besa che si confronta con un personaggio articolato e complesso. Per questa nuova messa in scena, ad affiancare i due protagonisti sul palco, ci saranno, insieme ad Alberto Moscatelli, Simonetta Barbon, Valentina Beraldo e Nicolò Gasparetto, anche due nuove splendide interpreti, Beatrice Niero e Francesca Botti.