“Erba e aria”, la poesia è naturale

"Erba e aria" pubblicato da Vydia Edizioni, 2017 Uscita nelle librerie dal 7 gennaioStrenna poetica per la befana. Esce il 7 gennaio il nuovo libro di poesie di Fabio Franzin (foto) in dialetto veneto "Erba e aria" . L'autore, milanese d'origine, vive a Motta di Livenza, è redattore della rivista di civiltà poetiche "Smerilliana", ed ha pubblicato 14 raccolte di liriche dal 2005 ad oggi, insignite con il Premio Guido Gozzano nel 2007 e il Pascoli nel 2009. "Erba e aria" percorre i temi del mondo naturale e della memoria che il paesaggio evoca, in continuità con il suo testo del 2015 "Sesti/Gesti" . Il critico Fabio Pusterla però distingue quest'ultimo lavoro di Franzin dagli antecedenti «per l'impalpabile felicità dello sguardo e dell'espressione, che si confronta con gli elementi basici del paesaggio naturale attraversato dalla storia umana: l'erba, l'acqua, l'aria, le ali, i fiori, e il dedalo di sentieri, viottoli e stradine che in quell'ambiente si inoltrano». Cinquantanove poesie per scoprire dentro al paesaggio veneto i sentieri che portano al paesaggio dell'anima. (e.g.)