Lovadina: la carica dei 1.300 runner invade le Grave del Piave

SPRESIANO In 1.300 sfidano il cielo grigio per la 29esima corsa podistica Piave Lovadina, proposta nei percorsi di 5,7 , 11,3, 21,9 chilometri. Per i partecipanti, runners, amatori, camminatori, amanti del nordic walking, splendidi paesaggi tra le vie di Lovadina. Chi ha scelto la distanza più lunga, ha costeggiato, per un tratto, una parte del Lago Le Bandie. I due percorsi breve e medio hanno invece dato la possibilità agli iscritti di inoltrarsi tra le grave del Piave. Per tutti dopo la fatica, il grande ristoro finale nella struttura della Pro Loco, anticipato dai 4 ristori lungo i percorsi. Per quanto riguarda i gruppi più numerosi, sono stati premiati, in ordine, Piè Veloce Maserada, Percorrere il Sile, Marciatore Biancade, Le Due Torri Vazzola, Vanti Tutta Pero, Lepri Sarano, La Piave Susegana, 3B Salgareda, Ospedaletto Istrana, Atletica Mottense, Amici del Sile, Dea Britoea, Club del Torcio, Edilcementi Sernaglia e Allegria Barbisano. Nei 5,7 km primissimi Valentina Fregona (poi Giulia Emma e Anna Furlan) e Nicolò Bedini (poi Antonio Pennacchio e Lorenzo Munerotto). Negli 11,3 km vittoria di Silvia Pasqualini, che si è lasciata alle spalle Marisa Feronato e Daniela Vedelago. Al maschile velocissimo Alvaro Zanoni, che ha preceduto Ajad Amghit e Andrea Zorzenoni. Nei 21 km velocissima Sara Cremonese che ha anticipato Ilaria Gurini e Mariana Bedini, al maschile Franco Zanardo ha preceduto Marco Zago e Denis Mariotto. Soddisfatto, per la buona riuscita della manifestazione, il gruppo Piave Lovadina, organizzatore della marcia che fa parte del circuito Trevisando. (s.ba.)