Sos di Monica dal Centrafrica: «Aiutateci»

MASER Volontaria di Maser lotta nella Repubblica Centrafricana sconvolta dalla fame e dalla guerra, e chiede aiuto per acquistare cibo. Monica Colla, 36 anni, è la referente per tutti i progetti che l'associazione "Amici per il CentrAfrica" ha nel Paese. La sua associazione da 12 anni collabora con delle realtà già esistenti, soprattutto cattoliche, sostenendo progetti in campo educativo, sanitario e agricolo, in quasi tutta la Repubblica Centrafricana. Con l'emergenza nata con la guerra civile si è dovuta, però, dar da fare anche per interventi d'urgenza. La volontaria, originaria di Maser, è rientrata da poco nel Paese africano dopo un mese in Italia e lancia il suo drammatico appello attraverso l'Avi (Associazione Volontariato Insieme), di Montebelluna. «Qui a Bangui la situazione non è per niente facile, si continua a sparare un po' in tutta la città e in tutto il territorio» racconta Monica Colla. «Non sappiamo cosa debba succedere nei prossimi giorni, siamo bloccati da giorni e senza nessun preavviso, quindi le scorte alimentari stanno per finire» continua la volontaria. «È così anche nei campi profughi che si sono ripopolati qui a Bangui. Stiamo cercando sacchi di riso, fagioli, olio e medicine per poter fare delle distribuzioni nei vari campi, dove la gente oramai non ha più niente, ma è difficile muoversi» spiega. «Ho mandato un ragazzo al mercato nero per vedere cosa si può trovare, ma tutto e diventato molto più costoso» continua la volontaria che vive e lavora a Bangui, capitale della martoriata nazione, dove l'emergenza alimentare e sanitaria non premette nemmeno di mandare avanti progetti di sviluppo a lungo temine come il pollaio per la produzione di uova che era stata avvaito. «Per la mancanza di mais, che non riusciamo più a trovare abbiamo cominciato a uccidere i polli, per poterli dare alla gente che viene a chiedere da mangiare». Chi volesse aiutarla a continuare il suo lavoro può fare un'offerta sul conto corrente Veneto Banca Montebelluna : IT76Y 05035 61820 05057 0089674 intestato all'Avi con causale "Emergenza Centrafrica". Gino Zangrando