Sistemata la strada dove fu investita Ale

GAIARINE «Dopo anni di incuria è bastata una segnalazione del nostro gruppo e in tre giorni è stata ripristinata la segnaletica». In quell'attraversamento ciclopedonale lungo la strada provinciale 44 a Francenigo fu investita una ragazzina di 13 anni, Alessandra Vedovato, che dopo essere stata in coma per cinque anni, è deceduta lo scorso aprile. Il gruppo Uniti per Gaiarine il 14 ottobre ha presentato un'interrogazione al sindaco e all'amministrazione comunale, per evidenziare la pericolosità di quell'attraversamento, dove le strisce pedonali erano sparite. Lì, di fronte alla Jesse, pedoni e biciclette sono costretti al passaggio, perchè la pista ciclopedonale si interrompe e continua dall'altra della provinciale. Il problema è stato immediatamente risolto dall'amministrazione, che venerdì ha fatto sistemare la segnaletica e disegnato strisce ben evidenti. Ancora prima della discussione in consiglio comunale, è quindi bastato il buonsenso e un piccolo ma importante intervento per garantire più sicurezza. Altri cittadini hanno chiesto la sistemazione di altri percorsi in paese per biciclette e pedoni. (di.b.)