Il cognome che ha fatto la storia del jeans

MONTEBELLUNA. Adriano Goldschmied, 70 anni, è considerato uno dei guru mondiali del denim, capace di influenzare i creativi di mezzo mondo. Nato a Trieste da una famiglia ebraica, nel 1970 ha aperto a Cortina il King Shop e poi ad Asolo ha messo insieme i più promettenti creativi dell'epoca e fondato così i marchi King's Jeans, Daily Blue, Goldie, Diesel, Replay, Gap 1969, Evisu, Rivet tutti lasciati poi ad altri, non senza epocali scontri con i suoi «ragazzi». Creativo da capo a piedi, si è sempre occupato di prodotto, anticipando mode e tendenze. Nel suo Genius Group sono cresciuti, tra gli altri, Katherine Hamnett, Betsey Johnson, Paul Harvey, David Mantey. Non ha mai coltivato il tipico cinismo imprenditoriale, preferendo un ruolo legato alla creatività. Ma da sempre tutti gli esperti del denim fanno riferimento alle sue intuizioni e ai suoi dettagli. Dal 1993 vive stabilmente a Los Angeles, dove ha dato vita nel 1996 ad Ag Adriano Goldschmied,ora controllata dalla multinazionale del jeans Citizens of Humanity.