Mille Miglia, la corsa più bella del mondo

di Marco Scafati Come ogni anno, a maggio si ripete quella sorta di rito collettivo che risponde al nome di Mille Miglia. Non per tutti, ovviamente, ma per gli appassionati d'auto d'epoca questo è senza dubbio l'appuntamento principe della stagione, da non mancare. Se non altro perché l'edizione numero trentadue della "corsa più bella del mondo", come amava definirla Enzo Ferrari, durerà un giorno in più: dopo le verifiche tecniche e la classica benedizione delle vetture al Duomo Vecchio di Brescia il 14 maggio si correrà da giovedì 15 a domenica 18, dal momento che è stata aggiunta una quarta tappa alle classiche tre. La prima andrà da Brescia ad Abano-Montegrotto via Padova, mentre il secondo giorno si partirà da lì alla volta della Capitale, dove verrà allestito il tradizionale villaggio a Castel Sant'Angelo. Sabato sarà poi la volta della tratta Roma-Bologna, con sosta a Volterra, mentre il giorno dopo è previsto l'arrivo trionfale a Brescia. Gli equipaggi iscritti sono 430, in rappresentanza di 35 paesi. Tra i più "presenti", come di consueto ci sono l'Italia, la Germania ed il Regno Unito, seguono poi Olanda, Svizzera, Belgio e Stati Uniti. Tra le auto d'epoca a farla da padrone è la pattuglia Mercedes, presente con 45 vetture, seguita da Alfa Romeo (41), Fiat (39), Jaguar (30), Porsche (24), Lancia (23), Bugatti (22), Ferrari (20), Aston Martin (18), Maserati (14) e via via tutte le altre. L'attrazione tuttavia, forse mai come questa volta, sarà la parata di vip che si cimenteranno nella corsa. Si va dall'attore premio Oscar (nel 1991 per "Il mistero Von Bulow") Jeremy Irons al noto presentatore e appassionato di motori "antichi" Jay Leno, al volante di una Jaguar del '51. Passando per i cantanti Brian Johnson, frontman della storica band hard rock AC/DC, e la scozzese Amy Macdonald, anche lei a bordo di una Jag. Ma lo special team del marchio inglese potrà contare anche su due piloti del calibro di Martin Brundle, dodici stagioni in Formula 1, e Bruno Senna, anche lui pilota della massima serie e nipote di una leggenda come Ayrton Senna. Gentlemen, start your engine. ©RIPRODUZIONE RISERVATA