Nove droni sopra la città e un furgoncino "pirata"

VICENZA C'era nove droni che pattugliavano il cielo sopra la zona di Vicenza evacuata dalla popolazione e interdetta al traffico aereo, e tutte le strade d'accesso al quartiere erano bloccate da pattuglie della Polizia e monitorate dalle telecamere fisse per impedire l'ingresso alle vetture. Eppure, a scorgere quel furgoncino che circolava tranquillo in Viale Sant'Antonino che scorre a fianco del perimetro aeroportuale ex Dal Molin, a 500 metri da dove erano in corso le delicate operazioni di disinnesco della «Old Lady», sono stati gli stessi artificieri si stavano occupando dell'enorme bomba. Un imprevisto che ha subito messo in allarme il sindaco di Vicenza Achille Variati che in qualità di commissario straordinario, alle 11,40 ha subito sospeso le operazioni affinché la Polizia potesse raggiungere il furgoncino e farlo allontanare dalla zona. Non senza prima aver fatto prendere i dati del conducente, che ora rischia grosso per procurato allarme, come ha assicurato il sindaco, per aver contravvenuto all'ordinanza dell'autorità in base all'articolo 650 del codice penale. A dire la verità non è stato l'unico inconveniente della mattinata. Meno di un'ora prima c'era stata un'altra interruzione delle operazioni causata questa volta da un cittadino che, bontà sua, si era svegliato in ritardo, alle 11, e aveva chiamato la Protezione Civile per poter uscire dalla zona. Non aveva sentito le sirene che alle 7 avevano svegliato tutto il rione e neanche il trillo del campanello suonato dai volontari della Protezione Civile casa per casa. C'è stato poco da ridere perché l'episodio ha disturbato l'andamento e soprattutto la tranquillità dovuta ai genieri che stavano mettendo le mani sulla bomba e hanno dovuto fermarsi per ben due volte. «Si è trattato di imprevisti comunque calcolati», ha detto il commissario straordinario Variati «certo è che prima di tutto viene la sicurezza dei cittadini, e preferisco sospendere e ritardare le operazioni anche se si tratta di mettere in sicurezza una persona sola». (l.zan.)