Residente blocca il piano il Comune espropria la terra

CROCETTA Una parte dei proprietari non firma? E il piano attuativo procede lo stesso, passando all'esproprio delle aree di proprietà di chi non firma la convenzione. Si tratta del Piano urbanistico attuativo di iniziativa privata denominato "Crocetta Centro", redatto dall'ingegner Gabriele Sernagiotto e presentato dalla società Emmedue. È un piano che costituisce attuazione di quanto prevede il piano regolatore di Crocetta del Montello. Dal punto di vista del pubblico interesse il piano, oltre ad attuare le previsioni del Piano regolatore a sostegno dell'urbanizzazione prevede la realizzazione di una viabilità pubblica alberata (con piantumazione e mitigazioni ambientali), parcheggi, reti tecnologiche, fognatura bianca e nera, acquedotto, illuminazione pubblica, reti telecom/Enel/gas. Il comune ha quindi proceduto all'adozione del piano. Tale piano è stato presentato da "aventi titolo" rappresentanti più del 51 per cento del valore degli immobili ricompresi nell'ambito in base all'imponibile catastale, e più del 75% delle aree inserite nell'ambito e dà loro titolo di attivare la procedura di esproprio. Di conseguenza con la proprietà della famiglia che non ha voluto aderire alla convenzione, si procederà ora con l'esproprio. In base al piano, al Comune saranno ceduti a titolo gratuito 426 metri quadri di aree per strade e 110 per marciapiedi, 383 metri quadri per parcheggio e 156 per verde pubblico attrezzato, con costituzione di servitù perpetua di uso pubblico a titolo gratuito su aree da destinarsi a parcheggio pubblico per 200 metri quadri, mentre il Comune trasferisce a titolo gratuito 3,82 metri quadri ai privati. (e.f.)