Il Pd e la fusione dei 3 comuni «Taglia i costi della politica»

ORMELLE Il circolo del Partito Democratico dei tre Comuni di Cimadolmo, Ormelle e San Polo di Piave a favore della nascita di Liapiave. «Ribadiamo», afferma il segretario Mauro Zuccato, «che la scelta di appoggiare il progetto di fusione esula da accordi con altre forze politiche ed è frutto di decisioni collegiali prese nelle assemblee degli iscritti. Nessuna voce discordante è mai emersa tra gli iscritti al Pd». Il Pd ricorda che tale iniziativa era stata proposta inizialmente dalla lista civica Ormelle Futura insieme ad consigliere comunale Pd di San Polo, fatta propria dai due consigli comunali e appoggiata da tutte le associazioni di categoria, Unindustria, Cna, Cia, Coldiretti, Unione agricoltori, dalle tre sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil. «Questa secondo me risulta essere l'unica proposta associativa che possa dare risultati certi ed immediati, sia sul piano economico che su quello normativo», conclude Zuccato, «Il Pd dei tre Comuni pensa così di dare un proprio contributo alla riduzione dei costi della politica partendo dal basso, un aiuto concreto ad imprese e cittadini». (c. st.)