Gastaldello e Floccari i «montebellunesi» azzurri aumentano

MONTEBELLUNA.Due «montebellunesi» insieme in nazionale. Non era mai successo. Sono Daniele Gastaldello e Sergio Floccari. In realtà nessuno dei due è montebellunese nel senso pieno del termine. Gastaldello è padovano di Reschigliano, Floccari calabrese di Nicotera. Ma entrambi hanno un passato nel Montebelluna: Gastaldello nelle giovanili, Floccari anche in prima squadra.
Gastaldello (classe 1983) è stato a Montebelluna da esordiente, per due stagioni, in un gruppo nel quale c'era, tra gli altri, Alberto Giuliatto, attualmente al Lecce. Lo allenava Luciano Favero. «Era un ragazzo corretto, un buono, con una gran voglia di imparare, di migliorarsi», ricorda Favero. Dal Montebelluna Gastaldello passa al Padova, quindi alla giovanili della Juventus, con cui vince il torneo di Viareggio nel 2003; poi al Chievo, al Crotone, al Siena, con cui esordisce in serie A (25 agosto 2005, Siena-Cagliari 2-1). Nel 2007 lo sceglie la Sampdoria, nella quale si conquista il posto da titolare e ora la convocazione in nazionale.
Floccari (classe 1981) è arrivato a Montebelluna nel 1988. Era partito dal Sud per diventare calciatore. Montebelluna doveva essere il suo trampolino di lancio. In effetti l'allenatore Rinaldo Cavasin lo lancia subito in prima squadra e lui fa capire di avere la stoffa per emergere. Magnifico il suo gol al Valdagno, il 24 gennaio 1999: controllo in corsa di destro e sinistro preciso alle spalle del portiere. Ma non tutti gli credono. E a fine stagione, al momento della fusione fra Montebelluna, Caerano e Montello, lo lasciano partire senza rimpianti. Qui si vede la sua forza d'animo, la determinazione. Riparte dal basso, sempre deciso a diventare calciatore. Mestre, Faenza, Genoa e Rimini le tappe del suo percorso, prima di arrivare in serie A con il Messina (2006-2007) e celebrare l'esordio con due gol alla Juventus. La stagione successiva, con l'Atalanta di Del Neri, di gol ne fa addirittura 20. Da gennaio 2009 è alla Lazio, che anche grazie al suo apporto è meritatamente in testa alla classifica.
A Montebelluna Gastaldello e Floccari sono rimasti poco, ma non l'hanno dimenticata. Gastaldello è in contatto con il suo vecchio allenatore Luciano Favero. E anche Floccari ogni tanto vi ritorna: per fare visita a Cavasin e salutare la signora Adelina, presso cui alloggiava.
Se Prandelli li manderà in campo nei prossimi giorni, sarà una soddisfazione anche per il Montebelluna: dopo Marcello Agnoletto, Aldo Serena e Francesco Toldo, la lista dei «montebellunesi» in nazionale si arricchirà di altri due nomi.

(Angelo Ceron)