Zambon, tennis spettacolo Galvani supera il cinese Yu



Nel «test match» Italia-Cina sui campi di Zambon ha vinto lo spettacolo. I circa 250 spettatori sono stati deliziati dalle evoluzioni dei tennisti. Tra i presenti anche il prosindaco Gentilini e l'assessore De Checchi, che hanno tifato per l'azzurro Stefano Galvani impegnato contro il cinese Nigel Yu (in foto i due assi). Prima dell'incontro i campioni hanno scambiato dei colpi con i giovani in erba trevigiani, e poi con gli adulti, per dar vita successivamente all'esibizione vera e propria. La Tennis Consulting di Fabrizio Caldarone ed Alberto Catorzi ha riportato il grande tennis a Treviso, come promesso qualche mese fa durante la presentazione del «tennis project», grazie alla collaborazione del main sponsor Deutsche Bank e a quello tecnico Diadora. Si è imposto Galvani nel long set al nove per lasciare al cinese cinque gamee. D'altronde il miglior ranking del padovano, che si è insediato negli ultimi tempi a San Marino, non lasciavano dubbi sull'esito della sfida. Yu dal canto suo ha evidenziato i buoni progressi maturati con gli allenamenti spagnoli, ma la superficie più congeniale per lui è la terra rossa, dove da fondo campo riesce a tenere di più lo scambio. Contro Galvani, che nel 2007 è riuscito ad essere il n. 99 mondiale, l'unica sua arma efficace è stato il potente servizio. Caldarone e Bepi Zambon danno l'appuntamento alla prossima esibizione per deliziare i palati trevigiani, magari portando atleti seguiti dalla Tennis Consulting: Calleri, Coria, Rochus, Navarro o Ullyet. (e.b.)