«Sono io il candidato della Lega»

Giancarlo Gentilini candidato sindaco della Lega Nord e un domani, ammesso che vinca le elezioni nel 2008, un vicesindaco dello stesso schieramento. Forza Italia? Eventualmente sulla poltrona di qualche assessorato, come gli eventuali altri alleati.
Non ha molte scale di grigio il progetto dello sceriffo per l'appuntamento di Treviso 2008. E lui, dopo il polverone degli ultimi giorni, sembra voler calcare il piede su Ca' Sugana anche per far traballare gli equilibri dei possibili, futuri alleati. «Io resto convinto della mia candidatura - dice - la gente è con me. Il candidato sindaco per la Lega Nord sono io. Certo, potrei fare il vice, sempre e solo di Gian Paolo Gobbo s'intende, ma solo per questioni d'età. Ad oggi però sono pronto a indossare la fascia tricolore. Ne ho già discusso anche con Gobbo».
Dopo gli strali di Galan prima e di Gava poi, nonostante Ghedini abbia tentato di riportare ordine e l'assessore regionale forzista sia rientrato nei ranghi, non ha fatto che rafforzare le convizioni di Gentilini che oggi si dice convinto di una sola cosa: «Hanno il terrore di me, temono la mia popolarità e il fatto che io, come lavoratore e amministratore, mi sia dimostrato un politico più fino di molti altri». Visto l'avvicinarsi della scadenza però, alcune domande restano d'obbligo. Nonostante Forza Italia continui a ripetere «prima gli accordi, poi i programmi e per ultimo le persone», il tema delle poltrone è diretta attualità. A onor della politica, ammesso che Gobbo decida di benedire il Gentilini-ter e magari lasciare Treviso, il vicesindaco potrebbe essere un forzista? A Ca' Sugana si fanno grasse risate: «Sindaco e vicesindaco saranno della lega nord - attacca Gentilini - e sia ben chiaro». Ma quando verranno fatti i nomi? Il vicesindaco annuncia: «La Lista verrà svelata dopo il panettone». Anche la base della Lega cittadina sta con le orecchie dritte, in molti chiedono di sapere quale sarà la formazione per le elezioni. L'argomento è stato anche al centro di un lungo dibattito nella riunione pre-natalizia del K3, il quartier generale leghista. Pare che anche Gobbo, parlando del suo secondo, abbia amesso; «Se si riterrà pronto... (l'età va tenuta in conto, ndr) perchè no». (f.d.w.)