Contromossa dell'Enel per l'Opa in Francia

PARIGI.Mentre il Parlamento francese in settimana voterà la legge-catenaccio sulle Opa in Francia, si levano voci contro il protezionismo. Il capo di Societè Generale, Daniel Bouton, e l'ex ministro dell'economia, il socialista Dominique Strauss-Kahn - che ambisce all'Eliseo - affermano che il dibattito va spostato a livello europeo. Il 69% dei francesi però approva l'intervento dello Stato per la fusione Suez-Gaz de France per ostacolare l'Opa dell'Enel su Suez. Il 62% dei piccoli azionisti invece è contrario all'intervento dello Stato.. E oggi l'ad Fulvio Conti presenterà al Cda il dossier Suez: Enel potebbe rivolgersi agli azionisti di Suez con una contro-offerta più alta. E, mentre la Ue attende spiegazioni dal governo francese, la Frankfurter Allgemeine Zeitung scrive che la Francia dice addio all'Europa per rinchiudersi in un vecchio nazionalismo. Concorda il ministro Giulio Tremonti. E il presidente dell'Antitrust, Catricalà, auspica una risposta politica urgente dalla Ue, in discussione è «il suo stesso fondamento basato sulla libera circolazione dei capitali e sulla libera concorrenza».