Enel: pool di banche prepara la maxi-Opa sulla francese Suez

ROMA.Si infittiscono le voci sull'offerta di Enel su Suez per conquistare la belga Electrabel. E mentre il gruppo tenta di raffreddare il mercato e, in una nota, «informa che non ci sono novità rispetto a quanto già riportato nei precedenti comunicati della società», alcune fonti finanziarie che seguono il dossier si sbilanciano parlando di «operazione ormai imminente». Un pool di almeno 8-9 banche italiane ed estere, è impegnato in queste ore in una serie di fitti incontri con il gruppo elettrico per mettere a punto il finanziamento che consenta un'offerta allettante per gli azionisti di Suez che oggi, intanto, mette a segno un rally di quasi il 5% in Borsa. Una nuova ricognizione sul febbrile lavoro di questi giorni potrebbe essere al centro del cda di domani quando il board si riunirà per esaminare i conti 2005 delle controllate. Il mercato stima fino a 45-50 miliardi di euro la cifra che Enel dovrebbe ottenere dalle banche per avere probabilità di successo nell'eventuale offerta, proponendo agli azionisti di Suez un premio soddisfacente rispetto alle attuali quotazioni di borsa del gruppo francese. Il titolo della compagnia francese ieri ha segnato un balzo di quasi il 5% a 32,64 euro, proprio sulla scorta delle indiscrezioni su Enel. Fra gli istituti italiani pronti a scendere al fianco di Enel c'è innanzitutto Banca Intesa, insieme a Capitalia e Unicredit.