Ammazza il nipote e poi si toglie la vita

AOSTA.Un uomo, Severino Pont, ha ucciso il nipote, Felice Cachoz, di 31 anni, agricoltore, ferito la zia della vittima, Anita Cachoz, di circa 50 anni, e si è poi suicidato nella sua abitazione a poche centinaia di metri dal delitto. E' accaduto in una fattoria a Rhemes Saint Georges in Valle d'Aosta. L'omicidio di Felice Cachoz è avvenuto verso le 14,30. L'uomo, che è morto sul colpo, si trovava nella fattoria insieme con la zia, Anita Cachoz, che è stata ferita gravemente. La donna è stata trasferita all'ospedale di Aosta dove è stata sottoposta ad una tac, la prognosi è riservata. Nella fattoria vive anche la madre del giovane. L'aggressore, Severino Pont, residente a Nus, sposato e con due figlie, secondo quanto si è appreso soffriva di esaurimento nervoso, ha sparato da una finestra sul retro, dopo aver rotto il vetro; poi, si è allontanato. Con sè aveva due pistole regolarmente denunciate A dare l'allarme - come hanno riferito gli inquirenti - sono stati due guardaparco che stavano transitando nella zona e hanno udito gli spari. Le indagini sono condotte dai carabinieri. Il corpo di Severino Pont è stato trovato all'interno dell'agriturismo Edelweiss (a poche centinaia di metri dal luogo del delitto) di cui l'omicida era titolare. Secondo quanto riferito dagli inquirenti, Pont si è tolto la vita con un colpo di pistola alla testa. La frazione in cui è avvenuto l'omicidio, Melignon di Rhemes Saint Georges, è un piccolo villaggio rurale nel Parco del Gran Paradiso. D'inverno è abitata solo dalla famiglia Cachoz mentre d'estate è abitata da turisti.