La fine di Frapporti raccontata sul palco

ROVERETO. Non sono attori, ma il modo in cui si sono calati nella parte è impressionante. Il gruppo di lavoro che ha interpretato ieri alla Filarmonica le ultime ore di Stefano Frapporti ha dato il massimo, mettendoci tanta passione civile.
La sceneggiatura, stesa dal romano Fabio Tittarelli, è basata in buona parte sui verbali dei carabinieri e delle guardie carcerarie relativi alla sera del 21 luglio, quando Frapporti venne arrestato. Poche ore più tardi, qualche minuto dopo la mezzanotte, il muratore era morto. Impiccato in cella. Incensurato, 49 anni, Stefano Frapporti era stato arrestato per possesso di hashish: perquisendolo dopo averlo fermato per strada, i carabinieri non gli avevano trovato adosso nulla, ma in casa - questo si legge sui verbali - emerse oltre un etto di 'fumo".
La sua storia, la storia di quelle drammatiche ore, è diventata una rappresentazione in un unico atto, nel quale recitano gli amici del muratore scomparso, coinvolti nei diversi ruoli: due carabinieri, che alla bisogna diventano guardie del carcere, Stefano e il medico che ne constata la morte. La vicenda viene interpretata leggendo in controluce ciò che dicono - o omettono di dire - i verbali. L'impressione è forte, perchè dalle striminzite righe stese da carabinieri e guardie è possibile inferire di tutto: quello che pare il significato letterale a una prima lettura può nascondere uno scenario diverso. A volte molto diverso, perchè a giudizio degli amici e dei parenti di Frapporti peristono molti dubbi sulla consequenzialità dei racconti, sulla loro coerenza. Dubbi che partono dal momento in cui Frapporti viene bloccato in via Campagnole da due carabinieri in borghese: la versione che si legge sui verbali racconta fatti diversi da quelli a cui hanno potuto assistere alcuni passanti, conoscenti di Stefano che in quel momento si trovavano proprio li davanti. Certe incongruenze del racconto ufficiale vengono sezionate dal testo teatrale: si mostra in tempo reale cosa dicono i verbali e cosa si può capire tra le righe, alla ricerca della verità. Se la verità giudiziaria è che Stefano si è ucciso in carcere e che non ci sono responsabilità di terzi (il pm De Angelis ha già richiesto l'archiviazione dell'indagine sulla morte), la sua famiglia e i suoi amici sono convinti che se non fosse stato arrestato, 'Cabana" (il soprannome con cui Frapporti era conosciuto) sarebbe ancora tra loro. L'essere stato trattato da delinquente dopo una vita dedicata al lavoro, senza mai aver infranto la legge - se si eccettua una multa per una banale infrazione al codice della strada qualche anno fa -, deve averlo ferito in modo irreparabile. Al punto di spingerlo a farla finita. Nello spettacolo, creato su quello che doveva essere un dossier tecnico sulla vicenda, tutto ciò emerge.
«Mostriamo delle ricostruzioni possibli - ha spiegato Tittarelli -, alcune sono più estreme e non è detto che rappresentino la realtà. Ma i dubbi che abbiamo sono ancora molti». E sono destinati a rimanerlo, visto che la rappresentazione non cambia lo stato delle cose. «Per noi però - racconta Romeo, che sul palco fa la parte di Stefano - è stato molto bello lavorare assieme, ritrovarci come gruppo di amici. Con alcuni ci si era persi di vista, ora tanti rapporti si sono riallacciati». L'eredità affettiva di Stefano diventa indagine sulla sua fine, e l'indagine spettacolo. Per non arrendersi all'oblio. E ieri in tanti hanno seguito la prima alla Filarmonica controllata da un buon numero di agenti.