Radio Padania, Roberto Poletti all'extracomunitario: "Mi stai sui coglioni". Il video del 2015

video Chiama Lazar da Brescia: "Sono un extracomunitario, sono offeso con la Lega perché non rispetta gli immigrati". Risponde Roberto Poletti: "Ti posso dire una cosa? A naso mi stai sui coglioni". A poche ore dalle polemiche nate per la nomina alla conduzione di UnoMattina dell'ex direttore di Radio Padania e biografo di Matteo Salvini, spunta online un video datato febbraio 2015 in cui Poletti battibecca con un extracomunitario. Succede durante la diretta del programma "Sulla Notizia", in onda su Radio Padania e ancora reperibile sul canale YouTube dell'emittente. "Mi stai sui coglioni perché hai un atteggiamento troppo arrogante - spiega poi Poletti - Chi si pone con un atteggiamento così arrogante indispone l'altro e ti da una brutta risposta".YouTube / Radio Padania

Otto e mezzo, Gruber-Salvini: ''Mi aspettavo fiori e scuse''. ''Ma io le voglio un sacco di bene''.

video "Ieri ha detto che le toccava venire qui e non ne aveva voglia e ne ha fatto una questione di simpatia. Mi aspettavo un mazzo di fiori e delle scuse". Così Lilli Gruber si è rivolta al ministro Matteo Salvini, aprendo il suo ''Otto e Mezzo'', in onda su La7."Ma io le voglio un sacco di bene - ha risposto sorridendo Salvini - Passo la giornata ad occuparmi di droga, terrorismo, immigrazione. Mi pagano anche per questo". "La pagano anche per essere educato", ha concluso Gruber.  video La7

Modena. Tensione al parco Novi Sad tra Guernica e forze dell'ordine: gli scontri

video Prime contestazioni a Modena in attesa dell'arrivo di Matteo Salvini per un comizio elettorale. Da un gruppo di un centinaio di manifestanti al presidio del centro sociale Spazio Guernica all'ingresso del parco Novi Sad è partito un lancio di sassi contro le forze dell'ordine che hanno risposto con una carica. Una persona è stata fermata. Ragazzi gridano "lasciateci passare", "liberiamoci dal razzismo". Si tratta di una delle tre manifestazioni organizzate per protestare contro l'arrivo del leader della Lega. Video Totaro

Salvini in Ungheria, tour in elicottero sul muro anti-migranti: "In Europa si entra solo col permesso"

video Il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini è salito su un elicottero a Budapest, capitale dell'Ungheria, per valutare dal vivo il sistema di protezione dei confini adottato dal governo di Orbán per contrastare l'immigrazione. Le immagini del tour sono state diffuse sulle pagine social del ministro. Nel video Salvini ha affermato: "In Italia e in Europa si entra solo se si ha il permesso". E su Twitter ha scritto: "Felice di incontrare di nuovo il premier Viktor Orbán".Video: Twitter/ Matteo Salvini

RepIdee 2019, Fazio: ''Le cose più belle del fare tv? Le telefonate di Mike e i grissini di Gorbaciov'

video "Dall'amicizia con Mike Bongiorno all'andare a cena con Mikhail Gorbaciov e sua moglie: in questi anni di tv mi sono successe molte cose bellissime". Così Fabio Fazio si racconta al vicedirettore di Repubblica Dario Cresto-Dina in occasione di Repubblica delle Idee 2019 a Bologna. "Cosa volete che mi importi se qualcuno se la prende con me tutti i giorni? Peggio per lui", ha concluso Fazio riferendosi agli attacchi del leader leghista Matteo Salvini. di Antonio Nasso

Firenze, presidente Corte d'Appello: "Linciaggio contro nostro giudice. Doveroso intervenire "

video "Ritengo doveroso, quale presidente della Corte di Appello, intervenire in ordine al linciaggio morale cui è ingiustamente sottoposta la dottoressa Luciana Breggia, esposta per i gravi attacchi subiti a pericolo per la sua incolumità, attesa la risonanza mediatica e l'effetto moltiplicatore della galassia dei social". Così la presidente della Corte di Appello di Firenze, Margherita Cassano, parlando ai giornalisti in merito alle critiche del ministro dell'Interno Matteo Salvini sull'operato dei magistrati di Firenze. "Comunico di aver richiesto l'intervento del Csm affinché valuti la sussistenza dei presupposti, a mio avviso ricorrenti, per l'apertura di una pratica a tutela, volta a riaffermare la piena legittimità dell'operato del magistrato e ristabilire il rispetto reciproco tra le istituzioni dello Stato", ha proseguito Cassano che ha spiegato che il Viminale poteva costituirsi in giudizio nella causa a Firenze del richiedente asilo per la sua iscrizione all'anagrafe. Una facoltà che non è stata esercitata comportando la decadenza. L'ARTICOLO: Firenze, la corte d'appello al Viminale: "Linciaggio morale contro la giudice. Intervenga il Csm" Video di Gerardo Adinolfi