Finardi "l'extraterrestre" accende il Me.Me. di Mestre

video MESTRE. La dolce "Le ragazze di Osaka" con il suo celebre "...non voglio esser solo mai", la travolgente "Extraterrestre", ma anche la trascinante "Hallelujah" di Leonard Cohen: vi proponiamo pillole di grande musica, dall'applauditissimo concerto di Eugenio Finardi che ha aperto la stagione di eventi nell'auditorium di Me.Me. Colture&Culture, all'ex Plip di Mestre. Due ore tra le canzoni di ieri e di oggi, per il cantautore che festeggia 40 anni di musica, accompagnato dai virtuosismi del chitarrista Giovanni Maggiore "Giuvazza".

Bagnoli, via libera al piano di rigenerazione ma Invitalia: "Dissequestrare le aree per la bonifica"

video “La prossima settimana avremo la Vas (valutazione ambientale strategica) e, dopo la gara quando l'azienda sarà pronta, chiederemo al tribunale il dissequestro delle aree di Bagnoli”. Ad annunciarlo è Francesco Floro Flores, il commissario di governo per la bonifica e la rigenerazione di Bagnoli, durante il forum promosso da “Sabato delle Idee”, l’incubatore fondato dallo scienziato Marco Salvatore, e “Repubblica”, svoltosi nel sede del circolo Ilva. All’incontro moderato dal responsabile della redazione di repubblica Napoli, ha partecipato anche Domenico Arcuri, amministratore delegato di Invitalia, (l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti di proprietà del ministero dell’Economia) che ha posto l’accento proprio “sull’impossibilità di procedere con progetti non avendo a disposizione il 60 per cento delle aree che sono ancora sotto sequestro e non vengono rilasciate al proprietario designato, ovvero Invitalia”. Numerosi gli interventi con al centro della discussione soprattutto il cosiddetto Praru (programma di risanamento ambientale e di rigenerazione urbana) redatto da Invitalia ma condiviso da tutte le istituzioni che partecipano alla cabina di regia che descrive passato, presente e futuro dell’area occidentale. Tra gli interventi quello di Carmine Piscopo, assessore comunale all’Urbanistica che ha sottolineato “i passi fatti avanti compiuti”. Chiedono tempi certi gli industriali per bocca del presidente Vito Grassi e lo stesso fanno alcuni comitati di Bagnoli riuniti sotto la sigla “Jamme assiem” che hanno preso parte all’incontro. Anna Laura De Rosa e Antonio Di Costanzo

Padova, bestemmie e insulti razzisti sul bus: l'autista rischia il licenziamento

video Una donna straniera protesta con l'autista dell'autobus su cui sta viaggiando per la velocità del mezzo e lui risponde con una raffica di bestemmie e insulti, anche di tipo razzista. Interviene una passeggera che sta filmando tutto chiedendo di moderare "le parole" perché sul mezzo ci sono dei bambini. L'episodio è avvenuto qualche mese fa su un autobus di linea a Padova, ma negli ultimi giorni ha iniziato a girare nelle chat dei colleghi dell'autista. Busitalia, l'azienda dei trasporti che gestisce gli autobus a Padova, ha acquisito le immagini per risalire all'identità del conducente, annunciando che prenderà "seri provvedimenti" nei confronti del dipendente. L'azienda parla di comportamento "gravissimo" e invita chiunque abbia informazioni a riferirle. Il sindaco Sergio Giordani: "Quell'autista deve essere licenziato"   

Manifesto 'Siamo europei', Calenda: "Non sarò paravento del Pd"

video "Non so se il Partito democratico, che oggi dice di essere convinto, lo è davvero fino in fondo, ma gli voglio dire che non farò da paravento per un'operazione di allargamento del Pd”. Lo ha sottolineato Carlo Calenda al congresso di +Europa, parlando dell'adesione del Partito democratico al suo manifesto 'Siamo europei’.Successivamente, a margine dell’evento, l’ex ministro dello Sviluppo Economico ha aggiunto: “Se la lista non è innovativa, aperta alla società civile e inclusiva, ma dovesse essere una riedizione del Pd sotto altri nomi, io non sarò candidato per questa lista”.di Edoardo Bianchi

Milano, Sala incontra Calenda e approva il manifesto: "Meglio unire che dividere"

video "Prodi vede nel Pd solo un opposizione ma non un alternativa? Condivido parzialmente il suo pessimismo, ma invito a leggere i programmi perché comincio a vedere contenuti".Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, a margine del congresso di +Europa a Milano. Il sindaco ha anche dato la sua adesione al manifesto dell'ex ministro per lo sviluppo Economico, Carlo Calenda, sostenendo che "bisogna capire da che parte stare, se con l'Europa o contro. Io non sono uguale a Calenda ma in questo momento è più importante unire che dividere" Infine, su una eventuale alleanza con Berlusconi: "Non ci sono i tempi, e ci sono punti di vista troppo distanti".di Edoardo Bianchi

Palermo, tre giornalisti vincono il premio Francese. Governale: "Messina Denaro reggente pro forma"

video A quaranta anni dall’omicidio di Mario Francese, il cronista di giudiziaria del Giornale di Sicilia, si è svolta questa mattina al Teatro Santa Cecilia la ventiduesima edizione del premio dedicato al giornalista ucciso dalla mafia il 26 gennaio del 1979. I vincitori del premio sono Lucia Goracci, Paolo Borrometi e, alla memoria, Alessandro Bozzo, cronista di Calabria Ora, scomparso nel 2013. Nel corso della manifestazione, il direttore della Dia di Palermo, Giuseppe Governale, ha affermato che "Matteo Messina Denaro non ha alcuna valenza operativa, formalmente è ancora il reggente, ma non abbiamo segnali della sua operatività. Certamente abbiamo una task force dedicata alla sua cattura". di Paola Pottino

A Reggio Emilia arrivano i Ghostbusters italiani, alla caccia del fantasma di Napoleone

video REGGIO EMILIA. Al Caffè Europa in piazza Prampolini è arrivata una delegazione del National Ghost Uncover guidata dal suo presidente, Massimo Merendi. Il motivo? Dal 2014 e poi con ripetute segnalazioni (di cui l’ultima nel dicembre 2018) è stato avvistato da 14 reggiani (tra ombre, nebulose e figure complete) nientemeno che il fantasma di Napoleone Bonaparte. Che, in un caso, avrebbe lasciato anche un segno tangibile: una moneta antica. LEGGI L'ARTICOLO

Sea Watch, il sindaco di Siracusa: ''Nessun ministero si è fatto sentire''

video Nessuno ha chiamato il sindaco di Siracusa Francesco Italia: "Né il ministro dei Trasporti, né quello dell'Interno", dice il primo cittadino, mentre la nave Sea Watch è a pochi metri dalla costa siracusana con 47 migranti a bordo. "Il difensore dei diritti dei bambini è in capitaneria di porto. Si attendono notizie perché il tribunale dei minori ha chiesto di far sbarcare chi ha meno di 18 anni", dice Italia. di Giorgio Ruta