Il nodo delle preferenze

ROMA La platea per l’elezione del capo dello Stato, il numero di firme necessario per i referendum, le preferenze: è su questi nodi, soprattutto, che si gioca il futuro del percorso delle riforme. Un futuro legato a doppio filo con quello della legge elettorale. Italicum. Quello delle pref

Il nodo delle preferenze

ROMA La platea per l’elezione del capo dello Stato, il numero di firme necessario per i referendum, le preferenze: è su questi nodi, soprattutto, che si gioca il futuro del percorso delle riforme. Un futuro legato a doppio filo con quello della legge elettorale. Italicum. Quello delle pref

Il nodo delle preferenze

ROMA La platea per l’elezione del capo dello Stato, il numero di firme necessario per i referendum, le preferenze: è su questi nodi, soprattutto, che si gioca il futuro del percorso delle riforme. Un futuro legato a doppio filo con quello della legge elettorale. Italicum. Quello delle pref

Salta la tregua a Gaza, nuove stragi

ROMA Non c’è pace a Gaza e l’ipotesi di un cessate il fuoco sembra allontanarsi sempre più, nonostante gli sforzi diplomatici in corso. Il premier Benjamin Netanyahu ha detto esplicitamente agli israeliani che il Paese deve prepararsi per una «lunga» offensiva a Gaza e avrà bisogno di forz

Renzi tende la mano ai dissidenti del Pd

di Gabriele Rizzardi wROMA Preoccupato dalla grande incognita del voto segreto, che potrebbe spingere i dissidenti del Pd e di Fi a fare fronte comune con i 5 Stelle, la Lega e Sel, Matteo Renzi apre alle modifiche sulla legge elettorale per blindare la riforma del Senato, il cui primo via

Renzi tende la mano ai dissidenti del Pd

di Gabriele Rizzardi wROMA Preoccupato dalla grande incognita del voto segreto, che potrebbe spingere i dissidenti del Pd e di Fi a fare fronte comune con i 5 Stelle, la Lega e Sel, Matteo Renzi apre alle modifiche sulla legge elettorale per blindare la riforma del Senato, il cui primo via

Renzi tende la mano ai dissidenti del Pd

di Gabriele Rizzardi wROMA Preoccupato dalla grande incognita del voto segreto, che potrebbe spingere i dissidenti del Pd e di Fi a fare fronte comune con i 5 Stelle, la Lega e Sel, Matteo Renzi apre alle modifiche sulla legge elettorale per blindare la riforma del Senato, il cui primo via