Tav, Toninelli: "Opera negativa economicamente. I soldi possono essere impiegati meglio"

video Da Genova, dove ha partecipato alla cerimonia per la prima gettata di cemento del nuovo ponte sul Polcevera, il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli risponde al nuovo affondo di Matteo Salvini sulla Tav: "La questione Tav è sulla scrivania del Presidente del Consiglio - dice - Ma l’opera è stata definita negativa economicamente non da me, ma dai tecnici: se guardo al ponte di Genova o alle migliaia di chilometri di strade italiane in dissesto perché non è stata fatta manutenzione, resto dell’idea che quei soldi possono essere meglio utilizzati". Di Giulia Destefanis

Genova, esplosivi per la demolizione del ponte Morandi: alta tensione tra sindaco e cittadini all'assemblea pubblica

video Un'assemblea pubblica, con il sindaco di Genova Marco Bucci, per presentare ai cittadini il piano di demolizione con esplosivi delle pile 10 e 11 di ponte Morandi, l'operazione che a quasi dieci mesi dal crollo del viadotto cancellerà per sempre le due pile rimaste in piedi con i 'celebri' stralli. Ma all'incontro, nel chiostro della chiesa di San Bartolomeo di Certosa, il clima è caldissimo: da un parte ci sono i timori logistici per il piano di evacuazione che nel raggio di 300 metri dal ponte allontanerà dalle loro case, nella giornata dell'esplosione fissata per il 28 giugno, più di 3 mila persone, che potranno rientrare dalle 22 solo se i test sulla qualità dell'aria saranno positivi. Dall'altra parte le paure che accompagnano i residenti, legate soprattutto alle polveri d'amianto che temono si disperdano: paure che hanno spinto i cittadini a depositare in procura un esposto per bloccare la demolizione con esplosivi. Di Giulia Destefanis

Liguria pride, tensione tra sindaco Bucci e manifestanti: "Viene a fare passerelle, ma in tribunale fa causa alle famiglie arcobaleno"

video Per il secondo anno consecutivo il sindaco di Genova Marco Bucci - il primo di centrodestra nella storia della città - non ha dato il patrocinio al Liguria Pride, che anche nell'edizione 2019 ha portato migliaia di persone in piazza. Ma questa volta Bucci decide di presentarsi all'inizio del corteo, "perché voglio essere il sindaco di tutti". E sottolinea che il comune, per la gestione della manifestazione, spende "50 mila euro, quindi dovete essere contenti". Ma gli organizzatori non prendono bene la sua partecipazione: "Viene qui per avere visibilità, ma poi fa causa alle famiglie arcobaleno", spiegano, riferendosi al ricorso in appello del comune contro 15 famiglie che in primo grado avevano visto riconosciuto dal tribunale il diritto di avere due mamme. Tra i manifestanti anche Gianni Crivello, che fu candidato contro Bucci per il centrosinistra, che al sindaco regala un braccialetto arcobaleno. "Un braccialetto non si nega a nessuno", commenta Bucci, che poi sull’accoglienza da parte dei manifestanti chiosa: "Sono un po’ cattivelli, ma facciamo finta di niente" Di Giulia Destefanis

Genova, 'Così faremo saltare il ponte Morandi': i tecnici spiegano come gli esplosivi demoliranno pile e stralli

video Finalmente c’è una data, venerdì 28 giugno, ‘che potrebbe essere anticipata al 27’, dice il sindaco di Genova Marco Bucci. La data in cui le due pile ‘strallate’ del ponte Morandi, quelle lato Levante, verranno demolite con esplosivi. In un’assemblea pubblica nel chiostro della chiesa di San Bartolomeo di Certosa i tecnici che lavorano con la struttura commissariale per la demolizione e ricostruzione del ponte spiegano come avverano le operazioni, e come le polveri 1 e la possibile dispersione di fibre d’amianto presenti anche se in basse quantità nel cemento e nel terreno sottostante- saranno ‘mitigate’ da colonne d’acqua alte 50 metri. Di Giulia Destefanis

Ponte Morandi, Massimo Recalcati agli insegnanti della Valpolcevera: "Dopo la tragedia, la scuola è un luogo di cura"

video A scrivergli da Genova è stata Elena Tramelli, dirigente scolastica dell’Ic Teglia, scuola della Valpolcevera non lontano dal ponte Morandi. E lui, lo psicoanalista Massimo Recalcati, ha raccolto l’invito, ed è arrivato nella valle per confrontarsi con insegnanti ed educatori sulla difficoltà del loro ruolo di fronte a traumi come il crollo di un ponte che ha causato la morte di decine di persone. "In casi come questi ci si sente isolati, soli, e per uscirne la scuola e la cultura sono cruciali", ha spiegato Recalcati nell’incontro "Cosa può fare una buona scuola?" al teatro Govi di Genova Bolzanetovideo di Giulia Destefanis