Agrigento, nuovo sbarco fantasma

video C'è stato un nuovo sbarco fantasma sulle coste agrigentino. All'alba del 10 giugno 2019 un'imbarcazione di quasi 10 metri è arrivata, praticamente indisturbata, sulla spiaggia di piana grande a Ribera. Non si sa nulla dei migranti che erano a bordo dell'imbarcazione e, viste le dimensioni della barca, è probabile che siano arrivati almeno una ventina di persone. "Dopo diverse ore dallo sbarco il motore della barca era ancora acceso, mentre una pattuglia di carabinieri controllava tutto", dicono quelli di Mareamico che hanno diffuso il video. A cura di Giorgio Ruta,video: Mareamico

Etna, l'eruzione vista da 2600 metri

video Sono immagini girate ieri, e pubblicate su Facebook, dalle Guide vulcanologiche Etna nord. Mostrano lo spettacolo dell'eruzione del vulcano che è tornato ad eruttare. Due fratture sub-terminali si sono aperte alla base del cratere Sud-Est e sul fianco nord-orientale del Nuovo cratere Sud-Est.  a cura di Giorgio Ruta

Commemorazione Falcone, Orlando e Fava disertano l'aula bunker. Salvini: "Hanno sbagliato''

video "Una bella giornata di unità nazionale. Ho visto delle polemiche di qualcuno che non ha capito che bisogna combattere tutti insieme. Se qualcuno di sinistra non è venuto o se ne è andato perché c'era Salvini si è perso lui qualcosa. Una giornata di speranza, di giovani, di lotta alle mafie". Lo ha detto il ministro dell'interno Matteo Salvini lasciando l'aula bunker di Palermo. "Gli assenti hanno sbagliato. I Fava è gli Orlando hanno sbagliato", ha aggiunto, riferendosi al presidente dell'Antimafia Claudio Fava e al sindaco di Palermo Leoluca Orlando, che non hanno voluto ascoltare l'intervento di Salvini in aula.Video di Giorgio Ruta

Palermo, il mistero dei capodogli spiaggiati: il laboratorio in cui si indaga sulla morte dei cetacei

video Dentro a un laboratorio dell’Istituto zooprofilattico di Palermo, tra microscopi e provette, si indaga sul mistero dei sei capodogli morti nel mare siciliano. Dai campioni delle carcasse dei cetacei, possono arrivare degli indizi utili. “Ci stiamo concentrando su due ipotesi: un virus e un interferenza dei radar militari con il sistema sonar dei capodogli”, racconta l’istopatologo Roberto Puleio. Il primo cetaceo senza vita è stato individuato ad aprile, a largo di Pantelleria. Poi cinque casi a maggio: a Cefalù, a Palermo, nel Messinese, vicino le Egadi e le Eolie. “Di sicuro sono numeri eccezionali, visto che le statistiche ci dicono che mediamente si individua un decesso l’anno”, continua Puleio, responsabile del laboratorio di istopatologia e immunoistochimica. A occuparsi degli spiaggiamenti è una rete nazionale composta dai dieci istituti zooprofilattici italiani, coordinati da quello del Piemonte, con il supporto del Cert di Padova. Al lavorare ai casi siciliani ci sono pure i musei "Doderlein" dell'università di Palermo e della Fauna di Messina.  di Giorgio Ruta

Palermo, Deaglio racconta "Il Padrino" alla Marina di libri: "Il presidente cinese voleva sapere tutto"

video "Il Padrino", il romanzo di Mario Puzo da cui si è ispirato l'omonimo film, compie 50 anni. E il giornalista e scrittore Enrico Deaglio ha raccontato, alla Marina di libri, le influenze che ha avuto sulla mafia e quella che ha avuto Cosa nostra sul best-seller. "Quando il presidente cinese è venuto a Palermo ha voluto sapere tutto sul Padrino, di cui è appassionato", ha detto Deaglio. di Giorgio Ruta

Palermo, Tobagi alla Marina di Libri racconta "il processo impossibile di piazza Fontana"

video Benedetta Tobagi racconta nel suo "Piazza Fontana. Il processo impossibile", i meccanismi del depistaggio che hanno seguito uno dei fatti più importanti della storia contemporanea italiana. "Analoghi meccanismi si notano nello stragismo mafioso", ha detto la giornalista e scrittrice, figlia di Walter, assassinato da un gruppo terroristico di sinistra.  di Giorgio Ruta

Palermo, la Santuzza anti-immondizia è tornata. Ma dietro le grate

video La statua di Santa Rosalia è stata rimessa in una finestrella di vicolo Panormita, a ridosso di piazza Bologni. Dopo che alcuni volontari dell'associazione Palazzo Alliata di Villafranca l'avevano sistemata per liberare quell'angolo dai rifiuti, qualcuno l'ha rubata. "Non ci fermiamo, abbiamo ricreato l'edicola votiva, però stavolta per proteggerla abbiamo messo una grata", dice Francesca, una delle volontarie. di Giorgio Ruta