Agrigento, sit in di solidarietà per Carola davanti al tribunale: "Salvare vite non è reato"

video "Salvare vite in mare non è reato". Lo dicono i manifestanti arrivati davanti al tribunale di Agrigento dove è interrogata Carola Rackete, la comandante della Sea Watch indagata per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e resistenza a nave da guerra. "Ha avuto coraggio, mi emoziona che abbia l'età di mia figlia", dice una signora. Presente anche il gruppo locale di Amnesty International.Di Giorgio Ruta

Sea-Watch, Carola Rackete fuori dal tribunale di Agrigento: "L'Europa accolga le persone in fuga"

video "Grazie per essere venuti, sono molto felice di avere oggi l'opportunità di spiegare tutti i dettagli sul salvataggio che abbiamo effettuato il 12 giugno scorso. Spero che la Commissione Ue, dopo la nuova elezione del Parlamento, faccia del suo meglio per prevenire situazioni come quella che si è verificata, e che tutti i Paesi europei lavorino insieme in futuro per accogliere le persone in fuga": lo ha detto Carola Rackete uscendo dal tribunale di Agrigento. La comandante della Sea Watch è stata interrogata dal procuratore aggiunto Salvatore Vella: "Ho spiegato al pm la circostanza del salvataggio". Di Giorgio Ruta

Sea-Watch, il legale di Carola Rackete: "Salvini alimenta clima d'odio"

video "Che il clima di odio ci sia e che venga alimentato da dichiarazioni irresponsabili, aggressive e false come ha fatto il ministro Salvini sui social è pacifico". È la denuncia del legale di Carola Rackete, l'avvocato Alessandro Gamberini ad Agrigento. "Se uno le fa al bar, si dice che è un irresponsabile, ma se le fa un uomo che ha una responsabilità istituzionale, capite bene che il peso specifico che ha questa dichiarazione è ben altro - dice -. E noi riteniamo abbia una valenza istigatoria, perché crea come un grosso macigno nell'acqua grandi onde intorno a se". Lo ha detto dopo l'interrogatorio della comandante della Sea Watch. Di Giorgio Ruta

Agrigento, la comandante Carola riappare in pubblico. Si presenta in tribunale, interrogata dal pm

video È arrivata poco prima delle 10, al tribunale di Agrigento. La comandante della Sea Watch 3 Carola Rackete oggi sarà interrogata dal procuratore aggiunto Salvatore Vella. È entrata accompagnata dagli avvocati Leonardo Marino e Alessandro Gamberini: Rackete è indagata per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e per resistenza o violenza contro nave da guerra, dopo il salvataggio di una quarantina di migranti nello scorso giugno, sbarcati poi, senza autorizzazioni, a Lampedusa. Una donna, fuori dal tribunale, ha gridato: "Benvenuta Carola". Lei, la comandante, non ha rilasciato dichiarazioni. Di Giorgio Ruta