«È pericoloso, bisogna mandarlo a casa»

ROMA. Pier Luigi Bersani dice che Silvio Berlusconi «va mandato a casa sul serio» perché allude a una repubblica non costituzionale, un sistema che «non è il nostro». Il segretario del Pd chiede attenzione per «affermazioni gravissime», destinate a drammatizzare ancora di più il caso Ita

Renato Venditti

«Il premier parlava da deputato»

MILANO. Hanno sollevato la questione dell’immunità parlamentare per dichiarazioni rese in veste di deputato, prevista dalla Costituzione, i legali del premier Silvio Berlusconi, citato in giudizio dal Gruppo Espresso per concorrenza sleale e boicottaggio per alcune frasi pronunciate lo s

Dialogo, i poli dicono si a Napolitano

ROMA. Il crinale è strettissimo, in alcuni tratti appare già difficilmente praticabile, ma per ora maggioranza e una parte dell’opposizione sembrano comunque decise ad avventurarcisi. A spingere tutti sulla strada stretta delle riforme fatte insieme è ancora Giorgio Napolitano. Il presi

Andrea Palombi

Miliardari più ricchi, nonostante la crisi

MILANO. Il Pil, cioè il prodotto interno lordo, (la ricchezza complessiva prodotta dall’Italia), nel 2009 è crollato di oltre 5 punti percentuali. Ed è aumentato, di mezzo milione, il numero dei disoccupati. Dunque siamo in crisi? Leggete qui. E’ la classifica dei miliardari-milionari it

Gigi Furini

Berlusconi accelera sul processo breve

ROMA. Silvio Berlusconi e la maggioranza spingono il pedale dell’acceleratore per velocizzare l’iter delle riforme che riguardano la giustizia, a cominciare dal processo breve. Oggi in commissione Giustizia a Montecitorio si apre il dibattito sulla proposta di legge sul legittimo impedim

Coldiretti boccia la nuova Finanziaria

REGGIO. «Siamo molto lontani dagli impegni presi». Cosi la Coldiretti commenta le prime anticipazioni sulla prossima Finanziaria che definisce «senza finanza per il comparto agricolo». «I fondi sono del tutto insufficienti - commenta Marino Zani, presidente Coldiretti - Le risorse propo

Al Milan basta una mezz’ora

MILANO. Magari avrà ragione Adriano Galliani nel ritenere che sia troppo presto perchè Milan-Sampdoria sia una partita decisiva nel romanzo dello scudetto, cosi come del resto non può ancora esserlo Juventus-Inter. Ma non c’è dubbio che questo Milan che ha massacrato la Sampdoria in meno