Voto Abruzzo, Legnini (centrosinistra): "Formula allargata funziona, è la strada giusta"

video Appare soddisfatto il candidato di centrosinistra Giovanni Legnini quando fa ingresso al suo comitato elettorale a Pescara. "Abbiamo raggiunto un risultato significativo, prendendo circa 10 punti in più rispetto alle elezioni dello scorso anno". Sull'idea di Calenda di una nuova sinistra dice: "Certamente questa è la strada giusta, un centrosinistra allargato alla società civile, che punta alla partecipazione attiva. Abbiamo tracciato una via nuova che non so se potrà influire a livello nazionale ma che è sicuramente vincente". Poi commenta i risultati dei suoi avversari politici: "Mi sembra chiaro che il vero sconfitto di questa tornata elettorale sia il Movimento Cinque Stelle, sul quale l'esperienza di governo ha pesato non poco".di Camilla Romana Bruno

Voto Abruzzo, Marsilio (Fdi) neo governatore: "Ricostruzione è priorità. M5S ha 5 anni per imparare almeno a fare opposizione"

video Sfiora quasi il 50% la lista elettorale del candidato di centrodestra di Marco Marsilio, risultato che gli consente di diventare il neo governatore della Regione Abruzzo. Ruolo chiave nella vittoria ha avuto il partito della Lega, che ha ottenuto oltre 28 punti percentuali. "I rapporti con Salvini sono ottimi - ha dichiarato Marsilio-. È chiaro che la Lega avrà un ruolo fondamentale nella composizione della giunta regionale. Non so se questo avrà ripercussioni a livello nazionale, ma sicuramente questo voto attesta che il centrodestra unito è la scelta vincente". E quale sarà la priorità per l'Abruzzo? "Senza dubbio la ricostruzione - afferma Marsilio -. Voglio ridare alle persone ancora senza casa un tetto sopra la testa". E su M5S aggiunge: "Se i risultati saranno confermati, avranno 5 anni per imparare almeno a fare opposizione. Ora pretenderò i soldi per l'alta velocità sulla Roma- Pescara". di Camilla Romana Bruno

Voto Abruzzo, Marcozzi(M5s): "Movimento conferma i risultati del 2014. Gli sconfitti sono Pd e Fi"

video "Il nostro è elettorato strutturato e stabile, è evidente che c'è stata una debacle del partito democratico e lo stesso discorso vale per Forza Italia". Arriva intorno alle 2 della notte la candidata M5S alle Regionali in Abruzzo Sara Marcozzi, per commentare i dati, ormai quasi certi, che hanno decretato Marco Marsilio governatore della Regione. Il Movimento si ferma al di sotto del 20%, ma Marcozzi insiste: "Nulla di disastroso, abbiamo confermato il dato delle elezioni regionali del 2014. Se mi aspettavo qualche voto in più? Forse, avrei voluto che gli abruzzesi non cedessero a un candidato che non è nemmeno di questa terra ma noi siamo comunque soddisfatti". E alla domande se questa rappresenti una sconfitta per i 5 stelle, Marcozzi sentenzia: "E' una sconfitta della democrazia".di Camilla Romana Bruno