Whirlpool Napoli, Calenda: "Da Di Maio ancora mezze menzogne, lasci"

video "Oggi finalmente comincia a uscire agalla la verità su Whirlpool", afferma l'eurodeputato Pd Carlo Calenda ed ex ministro dello Sviluppo in un video su Twitter."Di Maio alla radio ha detto: 'Sì sapevo che era in crisi ma non si è mai parlato di chiusura' - prosegue il predecessore dello stesso Di Maio -. È una menzogna anche questa, una mezza menzogna perché Di Maio ha dato l'incarico a Invitalia di verificare una società segnalata da Whirlpool che la sostituisse nel sito di Napoli e di nuovo stiamo parlando di aprile. Bisogna andare fino in fondo questo Ministro mente continuamente. Si deve dimettere". Calenda ha accusato ieri il suo successore al Mise di aver mentito e il Pd ha chiesto che Di Maio riferisco domani al question time in Commissione Lavoro alla Camera.Video: Agenzia Dire

Whirlpool, Calenda: "Di Maio ha mentito, sa della chiusura da aprile e ora fa sceneggiate"

video "Luigi Di Maio ha mentito al Paese e agli operai su Whirlpool. Sapeva della chiusura di Napoli da inizio aprile. Non ha informato i sindacati, i sindacati il 18 aprile hanno chiesto un incontro che è stato posticipato. Ci sono stati tre incontri a Invitalia su chi subentrerà a Whirlpool. Ha aspettato le europee e poi ha fatto una sceneggiata indecorosa su Facebook". Così l'ex ministro dell'Industria Carlo Calenda a 'Speciale L'Aria che tira' su La7. Che replica a muso duro anche sulle dichiarazioni di Di Maio in merito alla possibilità di ritirare incentivi a Whirlpool secondo l'ex ministro mai dati"  Video: La7

Whirlpool, Di Maio: "Pronto a ricredermi su revoca incentivi se resta a Napoli"

video Dopo aver ribadito l'intenzione di revocare gli incentivi distribuiti a Whirlpool a fronte dell'annunciato disimpegno dell'azienda dagli impianti di Napoli, il vicepremier e ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio precisa: "Sono pronto a ricredermi se Whirlpool dice non solo che lo stabilimento resta aperto, ma che Whirlpool stessa resta a Napoli". L'intervista durante lo speciale 'L'aria che tira' in onda su La7.Video: La7

Governo, Di Maio: "Ho chiamato Salvini, dobbiamo tornare a lavorare a pieno regime"

video “Io non sono mai stato una persona orgogliosa quindi stamattina, visto l’impasse sullo sblocca cantieri, ho chiamato Salvini e abbiamo trovato un accordo. Nei prossimi giorni dobbiamo tornare a lavorare a regime, per me il governo deve andare avanti altri 4 anni". Parole del vicepremier 5 stelle e ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, in un punto stampa al termine del tavolo con la Whirlpool al Mise pronunciate prima di andare al Quirinale a rassicurare il Capo dello Stato sulle intenzioni del suo partito e sulla tenuta dell'esecutivo.

Quando Di Maio diceva: "Whirpool non ha rispettato i patti"

video L'11 giugno, quando Whirpool annuncia la chiusura dell'impianto di Napoli, il ministro del Lavoro Luigi Di Maio va in diretta su Facebook per denunciare la scorrettezza della multinazionale americana. Ma secondo il predecessore di Di Maio al Mise, Carlo Calenda, una lettera di Whirpool informava Di Maio della situazione da settimane, e il vicepremier avrebbe tenuto nascosta la comunicazione per non esserne danneggiato prima delle elezioni europee.(video Facebook / Luigi Di Maio)

Governo, Di Maio: "Non ci sto a essere definito come quello del no"

video "Come abbiamo fatto il reddito di cittadinanza e quota 100, adesso si devono portare a casa tanti altri risultati. Non ci sto a essere definito come quello del no". Così il vicepremier Luigi Di Maio, durante lo speciale 'L'aria che tira' su La7, risponde a Myrta Merlino sul futuro dell'esecutivo insieme alla Lega. "Ho firmato lo Sblocca-cantieri e il decreto crescita proprio negli ultimi mesi. Quando penso a questo governo, penso alle persone che vogliono fatti concreti".Video: La7

Vertice a Palazzo Chigi con Conte, la pace ritrovata fra i vicepremier: Salvini e Di Maio si danno il cinque

video E' durato quasi due ore il vertice a Palazzo Chigi tra Conte, Salvini e Di Maio, il primo incontro dopo il voto delle Europee del 26 maggio. "Tutto bene, obiettivo comune è evitare l'infrazione garantendo la crescita, il diritto al lavoro e il taglio delle tasse. Non ci sarà nessuna manovra correttiva e nessun aumento di tasse", afferma in una nota Matteo Salvini al termine del vertice.Dello stesso tenore, sempre in una nota, le parole dell'alleato di governo M5S: "Il primo obiettivo e la priorità in questo momento è abbassare le tasse e lavoreremo per questo". E a testimonianza del clima positivo ritrovato, i due vicepremier so esibiscono in un saluto caloroso, dandosi un cinque a favore di telecamere. di Camilla Romana Bruno