Bolzoni, La Licata e la mafia che cambia: "Momento più pericoloso da anni"

video A "Più libri, più liberi", la fiera del libro a Roma, i due cronisti siciliani Attilio Bolzoni e Francesco La Licata hanno parlato dei cambiamenti che stanno investendo Cosa Nostra negli ultimi tempi. "Oggi non c'è più la mafia delle 'facce sconce', come Riina o Provenzano, ma c'è una mafia molto più profumata, pettinata e politicamente corretta", ha detto Bolzoni. "Il fatto che le donne stiano acquistando sempre più potere all'interno dell'organizzazione la dice lunga, fino a poco fa era impensabile - ha aggiunto La Licata - Questo è un momento molto pericoloso perché è adesso che si capirà se la mafia tornerà ad essere potente come Cosa Nostra negli anni '80 e '90"di Anna Laura De Rosa e Francesco Giovannetti

Ecco il presepe degli artisti nella Chiesa di San Ferdinando

video Napoli diventa un presepe, Chiaia un angolo di Betlemme. Nella chiesa San Ferdinando di piazza Trieste e Trento, l'associazione Theotokos ha allestito un presepe in stile settecentesco che riproduce luoghi reali della città come piazza del Plebiscito e il Gambrinus. Il ponte di Chiaia al posto della Grotta. Sull'opera anche un omaggio agli artisti il cui funerale è stato celebrato all'interno della chiesa: sono diventati pastori Sergio Bruni, Pupella Maggio, Enzo Cannavale, Aurelio Fierro, Nino Taranto, Luisa Conte, Rino Zurzolo, Carlo Taranto, Nunzio Gallo. A chiedere la realizzazione del presepe è stato Monsignore Lino Silvestri, rettore della Chiesa di San Ferdinando. Anna Laura De Rosa