«Rompeva le scatole e l’hanno ammazzato»

article MAGNACAVALLO. Ammazzato come un animale perché «rompeva le palle». Senza pietà e senza un vero motivo. Vigliaccamente sorpreso alle spalle, colpito con inaudita violenza alla nuca, lasciato agonizzante a terra e poi di nuovo aggredito, dopo che il branco si era concesso una pausa, tornando per fi...

di Giancarlo Oliani