Conte bis, Amendola: "Stop a inutili risse con Bruxelles"

video "La nomina di Paolo Gentiloni a commissario europeo è il segno di un impegno a cambiare l'Italia e l'Europa, a renderla più forte. Credo che le forze di governo cercheranno in tutti i modi non di litigare con Bruxelles, non di fare inutili risse che non producono nulla, ma di proporre dare idee e cercare di imprimere una stagione di cambiamento all'Europa", ha dichiarato il neo ministro per gli Affari Europei, Enzo Amendola, lasciando palazzo Chigi al termine del Consiglio dei ministri. "Questa coalizione è nata con un impegno, non solo cambiare l'Italia, con un governo di svolta, ma anche rendere protagonista l'Europa di una nuova stagione politica. Le forze politiche che compongono la coalizione, hanno sostenuto la nuova Commissione europea con l'idea che possa dare un nuovo indirizzo, sullo sviluppo, sulla solidarietà interna e sugli investimenti", ha concluso il ministro. video di Cristina Pantaleoni e Camilla Romana Bruno

Def, Zingaretti: "Problema dell'Italia è il governo che non conta nulla". Gentiloni: "Paese è paziente grave"

video "L'Italia ha una previsione di crescita dello 0,1%, non va nella giusta direzione. Il governo ha una forte base parlamentare ma la verità è che con questo governo l'Italia peggiora. L'Italia conta molto di meno o nulla rispetto agli scenari internazionali". Così il segretario del Pd Nicola Zingaretti, in conferenza stampa al Nazareno. "Il problema dello sviluppo italiano è il governo italiano. Il governo delle incertezze, di liti continue che sono figlie non di antipatie ma di visioni radicalmente diverse in politica. La prima risposta programmatica per uscire dalla crisi è cambiare governo", aggiunge Zingaretti. Accanto a lui siede il presidente del Partito Democratico Paolo Gentiloni che aggiunge: "Le bozze del Def sono quelle di un paziente in condizioni molto gravi. Crescita zero, più debito, più deficit, più disoccupazione. Più tasse”. Video di Cristina Pantaleoni

Primarie Pd, Gentiloni ironico cita Twain: ''Noi morti? Esagerati. Si voterà tra un anno, prepariamoci''

video "Deluderemo tutti quelli che in questi mesi hanno detto e scritto che il Pd era morto. Come disse Mark Twain nel celebre telegramma alla Ap per smentire il proprio decesso, anche noi diremo: ''La notizia della morte del Pd è largamente esagerata"". Così Paolo Gentiloni durante la chiusura della campagna delle primarie di Nicola Zingaretti al Tempio di Adriano di Roma. ''Non so quando si voterà, forse tra un anno, ma prepariamoci. Il Pd non può buttarsi a sinistra sperando che nasca un soggetto centrista che poi magari non nasce; il Pd deve fare il suo mestiere''. Video di Cristina Pantaleoni