Cachet alto per Pride Modena, Carta: "Meno di 8000 euro. Parlino d'amore e non di fango"

video "Perché mandare una marea di fango quando invece si dovrebbe parlare di amore? Non lo trovo tanto coerente, sarei andato volentieri e gratuitamente come farò con il Matera Pride”. Marco Carta, durante la presentazione a Milano del suo nuovo album 'Bagagli leggeri' e del libro "Libero di amare” risponde così alle polemiche nate per una richiesta di soldi ritenuta eccessiva per partecippare al Pride Modena. "Il mio manager mi ha spiegato che gli organizzatori si erano messi d'accordo con il mio promoter - ha spiegato Carta - che purtroppo essendo esterno a questa vita non ha questa sensibilità e ha visto l'evento come un'opportunità di lavoro. Poi comunque ho visto nelle mail che aveva chiesto un prezzo inferiore agli 8000 e che non è stato scortese, come è stato scritto”. Video di Edoardo Bianchi

Furto di magliette, Marco Carta: "Non ero conscio di quanto accadeva, tranquillo per processo"

video "Non ero conscio di quanto stava accadendo, sennò mi sarei dissociato o l'avrei impedito. Per il processo a settembre sono tranquillo, anzi, non vedo l’ora”. Così Marco Carta, alla presentazione del suo nuovo album 'Bagagli leggeri' e del libro "Libero di amare”, torna a parlare del suo arresto (non convalidato) per un furto di magliette in un centro commerciale di Milano e al processo che per questo dovrà affrontare a settembre per furto aggravato in concorso. Sulle critiche che ha subito sui social il cantante ha aggiunto: “Mi hanno fatto male, bisognerebbe avere un patentino per poter scrivere sui social”. Di Edoardo Bianchi