Di Maio: "Salvini mio marito? Non si monti la testa, abbiamo fatto contratto non matrimonio"

video "Dico che Salvini non si deve montare la testa, abbiamo fatto solo un contratto di governo ma non sono innamorato di lui, io sono innamorato della mia fidanzata". Lo ha detto a 'Che tempo che fa', su Rai1, il leader dei 5 Stelle Luigi Di Maio, commentando la battuta del leghista Matteo Salvini, che si era definito il "marito" nella coppia dei vicepremier nel governo giallo-verde.  (RaiPlay)

Province, Salvini: "Cinque Stelle si mettano d'accordo con loro stessi"

video "Se Luigi Di Maio mi spiega chi sistema le scuole e le strade andiamo d'amore e d'accordo. Poi i Cinque Stelle si mettano d'accordo con loro stessi, perché altri viceministri del movimento stanno lavorando per dare forza alle province". Il ministro dell'Interno Matteo Salvini, a Paderno Dugnano (Milano) per un appuntamento elettorale, parla così del dibattito interno alla maggioranza di governo sulla situazione delle province in Italia. Quella sulle province, secondo Salvini, "è un'ennesima situazione in cui i 5 Stelle devono decidere tra sì no e forse". di Andrea Lattanzi

Di Maio - Salvini, il duello dei Facebook Live: "Vuole fare cadere il governo?" "Se cade, poi solo elezioni"

video Dopo giorni di schermaglie a distanza, il vaso è traboccato con l’intervista nella quale Matteo Salvini a Repubblica parla della possibilità che il governo cada. E’ su questo passaggio che il vicepremier 5s Luigi Di Maio ha deciso di postare un intervento al veleno sulla sua pagina Facebook: “Se Salvini vuole fare cadere il governo – dice - si prenda questa responsabilità”. Il leader del Carroccio contesta ai pentastellati il sì alla presidenza della Commissione europea Ursula van der Layen su Repubblica e in una conferenza stampa a Helsinki che a sua volta il leghista ha postato sulla sua pagina Fb: “I 5 stelle hanno votato come Berlusconi, Renzi e Macron. E volevano cambiare l’Europa?”. Ma Di Maio non ci sta: “E’ la Lega che governa con Berlusconi in tutta Italia e Salvini sapeva del voto a van der Layen proposto da Conte in cambio di un commissario importante, quello alla concorrenza. Hanno fatto saltare tutto quando la nuova presidente non ha garantito più il posto a un leghista su quella poltrona”. a cura di Giulia Santerini  (pagine Facebook di Luigi Di Maio e Matteo Salvini)

Napoli, rabbia e lacrime all'assemblea Whirlpool: "Il governo ci deve sostenere"

video Commozione e lacrime all’Assemblea degli operai nella fabbrica di via Argine. Oggi la protesta si sposta a Roma. Partiti 8 bus per l’incontro al Mise, ministero dello Sviluppo economico con il vicepremier Luigi Di Maio. La segretaria Fiom Barbara Tibaldi ai lavoratori durante l’assemblea: "non siete soli uniti vinciamo". "Se chiudera Napoli sara una tragedia- avvertono i sindacati - sara solo un precedente per la chiusura degli altri stabilimenti". Tensione tra gli operai all’inizio dell’assemblea: "Sarà guerra senza trattative - urla dal palco Pasquale, lavoratore ormai stremato dalla stanchezza dopo 5 giorni di presidio davanti alla fabbrica”- non facciamo sconti, lotteremo fino alla fine". Tiziana Cozzi

Napoli, le notti in fabbrica degli operai per non perdere "mamma Whirlpool"

video Napoli. Sono una trentina gli operai avvolti in felpe con cappuccio a presidiare la fabbrica che chiamano "mamma Whirlpool", messa in vendita dalla multinazionale americana nonostante un accordo siglato a ottobre che prevedeva 17 milioni per il rilancio della produzione di lavatrici ad alta gamma. Oggi saranno a Roma in occasione della riunione urgente convocata al Mise dal ministro Luigi Di Maio. Sulla vetrata dell’impianto sono affissi i nomi di chi partirà per la capitale sugli otto autobus noleggiati. La Whirlpool si candida a diventare la madre di tutte le battaglie in nome del lavoro. "Non date altre braccia alla camorra" si legge su un cartello affisso ali cancelli. Gli operai sono seduti in circolo e parlano della fabbrica. Giovanni, una vita passata ad assemblare lavatrici. La notte trascorre insonne ad aspettare il giorno sulle sedie. Il Comune guidato da Luigi de Magistris sostiene la protesta e ieri ha inviato delle brandine. Con le "tute blu" ci sono mogli e figlie: "Questa fabbrica per noi è tutto". di Antonio Di Costanzo