Investito da un'auto ciclista 45enne muore dopo tre mesi di coma

TORRE DI MOSTO. Investito da un'auto, ciclista 45enne muore dopo tre mesi di agonia. Era il pomeriggio dello scorso 21 maggio, quando Mamadou Nguirane era stato travolto da un'auto mentre in sella alla sua bicicletta si stava recando a lavoro. L'incidente si era verificato in via Confin. Nguirane, cittadino di origine senegalese, ma residente in paese in via Dante Alighieri, era stato investito da una Golf, condotta da un 50enne, anche lui di origine senegalese, ma residente a Montebelluna. Le condizioni di Nguirane erano apparse gravissime.L'uomo è stato dapprima ricoverato all'ospedale Dell'Angelo di Mestre, per poi essere trasferito, dopo la stabilizzazione, nel più vicino nosocomio di Portogruaro. Ed è qui che venerdì sera è venuto a mancare. Troppo gravi le ferite riportate nell'incidente, da allora era rimasto sempre in coma. Del decesso è stata informata la Procura di Venezia, che a carico del guidatore della Golf aveva già aperto un fascicolo per lesioni stradali. Adesso l'accusa verrà aggravata in omicidio stradale. Mamadou Nguirane era sposato con figli, ma la sua famiglia viveva ancora in Africa. Il 45enne, insieme ad alcuni connazionali, lavorava per la San Martino Servizi, azienda specializzata nelle pulizie per il settore industriale alimentare. Si occupavano sanificazione dei locali dell'azienda torresana Pollo Ducale. I colleghi di lavoro si sono radunati ieri nella camera mortuaria dell'ospedale per un momento di preghiera. Nei prossimi giorni seguiranno le pratiche per il rimpatrio della salma in Africa. --Giovanni Monforte